Mobilitazione a Brindisi: Cittadini Uniti Contro il Deposito Edison

Sabato 20 gennaio, ore 10, in Piazza Vittoria a Brindisi In caso di condizioni meteo avverse l’iniziativa pubblica si sposterà nella sala universitaria “Gino Strada” presso Palazzo Nervegna. Rinnoviamo l’invito alla cittadinanza di unirsi alla protesta a favore della città contro il deposito/rigassificatore di Edison, per l’esclusione di Brindisi nel corridoio Baltico-Adriatico il riconoscimento della classificazione di porto «core» per Brindisi, per l’autonomia del nostro porto, per il riscatto di Brindisi. Nell’interesse del territorio, invitiamo tutti i brindisini a mobilitarsi e partecipare numerosi alla manifestazione di SABATO 20 ALLE ORE 10 IN PIAZZA DELLA VITTORIA o IN CASO DI CONDIZIONI METEO AVVERSE NELLA SALA UNIVERSITARIA “GINO STRADA” PRESSO PALAZZO NERVEGNA Ricordiamo che venerdì 19 gennaio dalle 17,30 alle 19,00 continua la raccolta firme contro il deposito Edison e in difesa del porto.
 
 

Cgil Brindisi, Italia Nostra Brindisi, Legambiente Brindisi, WWF Brindisi, Medicina Democratica, A.C.L.I. Provinciali Brindisi, Fondazione “Tonino di Giulio”, Medici per l’Ambiente, Anpi Brindisi, Forum Ambiente Salute e Sviluppo, No al Carbone, Puliamoilmare Brindisi, Associazione “Vogatori Remuri Brindisi”, ARCI Brindisi, Brindisi Ostello Nautico-Bon APS, Auser Brindisi, Associazione “Di Vittorio” Mesagne


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: