Chiusura Centro Anti violenza a Brindisi Cgil in piazza il 6 febbraio a difesa donne e bambini

La notizia di sospensione del servizio del Centro di Anti Violenza a partire dal 1°  febbraio prossimo da parte del Comune di Brindisi ci lascia a dir poco sconcertati! 

Il CAV che da oltre 25 anni si occupa di tutelare minori e donne vittime di violenza,  abusi e maltrattamenti, cessa la sua attività poiché il Comune di Brindisi decide di  non dare continuità al servizio nonostante ci siano finanziamenti regionali già  stanziati ad hoc. 

Questa decisione scellerata, oltre ad essere un forte segnale di arretramento e  discriminazione sul versante dei diritti da parte dell’amministrazione di Brindisi, nega  l’accesso alle vittime ad un servizio, spesso “salvavita”, che è ormai considerato  essenziale per arginare i casi di violenza sempre più frequenti.  

Per queste ragioni non possiamo stare fermi, ma dobbiamo fare rumore partecipando  alla manifestazione con corteo di protesta indetta da CGIL, SPI e FP Brindisi,  unitamente a tutte le altre categorie, per la mattina del 6 febbraio prossimo.  

Il programma prevede il raduno di tutti i partecipanti alle ore 9.30 in piazza Cairoli a  Brindisi. Il corteo partirà alle ore 10 per raggiungere la sede del Comune dove sarà  richiesto un incontro al sindaco. 

Invitiamo le associazioni, le lavoratrici e i lavoratori, le cittadine e i cittadini e tutti  coloro che hanno a cuore il benessere di donne e minori del nostro territorio  chiedendo di aderire e partecipare attivamente alla manifestazione. 

Le segreterie territoriali 

CGIL Brindisi SPI CGIL Brindisi Funzione Pubblica CGIL Rosa Maffei Michela Almiento Chiara Cleopazzo


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: