Bruxelles,Proteste trattori, Pedicini (MET): “Regalo della von der Leyen alla Bayer”

L’europarlamentare a Tgcom24: “I costi si abbattono uscendo dalle guerre, autorizzare il glifosato avvantaggia solo l’agricoltura industriale”

“Gli agricoltori sono sull’orlo del fallimento per i costi di produzione, resi insostenibili soprattutto a causa delle scelte dell’Europa sulla guerra, e la von der Leyen ne approfitta per sostenere i suoi amici delle case farmaceutiche tedesche. Eliminando il divieto del glifosato, la presidente della Commissione europea fa un regalo gigantesco alla povera Bayer, senza risolvere affatto i problemi degli agricoltori”. Lo dichiara l’europarlamentare Greens/Efa e segretario del Movimento Equità Territoriale Piernicola Pedicini, intervenuto a Tgcom 24.  

“Autorizzare il glifosato, gli Ogm e tutto quanto avvantaggia l’agricoltura industriale – spiega Pedicini – apre la porta alla concorrenza sleale di Canada, Ucraina e di tutti i Paesi che hanno grandi distese coltivabili, ma cattive condizioni ambientali a cui possono sopperire solo grazie alla chimica. Inoltre, si dà un colpo mortale al modello di economia agricola fatto di piccole e medie imprese, spesso a conduzione familiare. Non è un caso che a esultare siano Coldiretti e Cia, che puntano a un modello industriale di agricoltura. Così come esulta la Meloni, senza capire che tedeschi e francesi, che non hanno il sole, ci guadagneranno, mentre a perderci sarà proprio l’Italia, in particolare il Mezzogiorno. “Per abbassare i costi di produzione – conclude l’europarlamentare – bisogna abbassare l’inflazione e questo è possibile soltanto rimuovendone le cause, ovvero uscendo dalle guerre”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: