TARANTO, Nota CGIL e CISL di risposta a CONFINDUSTRIA Taranto

Taranto, 14 novembre 2014

Segreterie: GENERALI
Prot. n. 185/mc
Oggetto: Nota di risposta.
Dott. Vincenzo Cesario
Presidente Confindustria – Taranto
galeandro@confindustria.ta.it
…………………………………………….

Egregio Presidente,

in riferimento alla lettera con la quale Lei invita le scriventi Segreterie territoriali, per il prossimo 15 novembre, a discutere sulla crisi ILVA, ci pare opportuno evidenziare che, secondo il nostro punto di vista, tale appuntamento risulta intempestivo considerando che le OO.SS. di Categoria, proprio ieri, hanno avuto un incontro con il dottor Gnudi, Commissario straordinario, per discutere degli scenari che si prospettano intorno alla vicenda.
Tale occasione è servita, per quel che ci riguarda, ad esprimere, da un lato alcune delle preoccupazioni che anche Lei evidenziava nella lettera, dall’altro le esigenze di intervento che si rendono necessarie per gestire la complessa vicenda e che vedono un sempre più consistente coinvolgimento statale.
A tal proposito, condividiamo con Lei la necessità di individuare un luogo di confronto nel territorio per discutere di tali questioni ma riteniamo che debba essere un luogo istituzionale, in stretta connessione con l’attività di governo nazionale, affinché sia realmente foriero di azioni condivise e finalizzato a soluzioni concrete.
Invitiamo dunque la Vs. Associazione a considerare insieme con noi l’opportunità di ripristinare all’interno della Consulta Provinciale la funzione di raccordo e di elaborazione, per affrontare i temi dello sviluppo a Taranto.
Cordiali saluti.
CGIL                                            CISL
(Giuseppe Massafra) (Daniela Fumarola)
FIOM CGIL                        FIM CISL
(Donato Stefanelli) (Cosimo Panarelli)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.