LECCE, Viaggiare sicuri. Epidemia di Peste in Madagascar, 40 morti.

Viaggiare sicuri. Epidemia  di Peste in Madagascar, 40 morti. Secondo l’OMS altre 80 persone sono state infettate da agosto. Le portatrici sono le mosche ed i topi

Le autorità sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità, hanno annunciato un’epidemia di peste che ha ucciso 40 persone in Madagascar e ne ha infettate altre 80. L’OMS ha messo in guardia la popolazione contro la “rapida diffusione” della malattia nella capitale, Antananarivo.La situazione, secondo l’organizzazione, è resa più difficile dagli elevati livelli di resistenza tra le mosche a uno dei principali insetticida oltre dai topi avvicinatisi troppo ai centri abitati a causa della deforestazione incontrollata dell’isola. Il primo caso conosciuto è stato segnalato a Soamahatamana, circa 200 km a ovest della capitale, a fine agosto.La peste, com’è noto, può portare alla morte. La malattia può essere però facilmente trattata se diagnosticato precocemente.Poiché il Madagascar è una meta assai attrattiva e frequentata da nostri connazionali, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, invita tutti i turisti e viaggiatori che vi si recano ad osservare tutte le misure di prevenzione e profilassi per evitare il contagio.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.