BRINDISI, Continua la vergogna dei rifiuti nelle zone Autigno e Formica e sulla Strada Provinciale 37

Continua la Vergogna della massa dei rifiuti mai rimossa sulla Strada Provinciale 37 verso Serranova e la zona tra Autigno e Formica. La solita imbecillità, ma le istituzioni e gli organi preposti quando si decideranno ad intervenire in una porzione di territorio praticamente abbandonata a se stessa ?.

Degrado Autigno  e FormicaNella vita c’è sempre qualcuno che fa “le orecchie da mercante”, non sente, o fa finta di non sentire…. quando si tratta soprattutto di venire incontro a chi è disperato, a chi si sente maltrattato, preso in giro o sottovalutato. E’ il caso dei residenti delle zone Autigno, Formica ( tra Brindisi e San Vito dei Normanni) e la Strada Provinciale 37 che porta a Serranova. Da diversi mesi chiedono, inutilmente, aiuto alle istituzioni e agli organi competenti, affinchè siano praticamente “liberati” dalla morsa, dalla grande massa dei rifiuti che li opprime. Ma non c’è nulla da “filosofare” intorno ad un grave problema ( più volte denunciato anche da brindisilibera.it) che rappresenta una delle “ vergogne” del territorio brindisino, frutto della noncuranza e sfacciataggine di chi, evidentemente, continua ad usurpare quella poStrada Provinciale 37rzione di territorio dove addirittura si vorrebbe fare un impianto di compostaggio ( che andrebbe ad aggiungersi alle varie discariche legali e non) ed imperversano i grandi interessi affaristici sui rifiuti.
Le ulteriori foto che alleghiamo documentano una vergognosa massa di rifiuti di ogni tipo mai rimossa, nonostante lamentele e denuncie sui social network, telefonate e appelli alle istituzioni che, come detto, “fanno orecchie da mercante”, e le segnalazioni del nostro giornale, inascoltate. Dispiace dirlo, ma chi vi scrive si è più volte rivolto all’ Amministrazione Comunale di Brindisi e all’ Assessore all’ Ambiente Antonio Monetti ( persona che si sta impegnando attualmente con tutte le forze per risolvere l’ emergenza rifiuti a Brindisi) senza successo. Tra riunioni annunciate,interventi, segnalazioni ai funzionari, sinergie con i Comuni di San Vito dei Normanni e Carovigno mai realizzate. Ma si vuol capire, una volta per tutte, che non si sta parlando di cittadini di “ serie B”, ma di persone e famiglie che pagano le tasse e la TASI e cosa hanno in cambio ? Una “marea” di rifiuti che inquina, danneggia la salute, offende la dignità di chi deve fare i conti da una parte con gli imbecilli che non hanno rispetto dell’ ambiente, dall’ altra con istituzioni che, evidentemente, si sballottano colpevolmente competenze e funzioni.
Del resto, la vicenda rifiuti nel capoluogo brindisino è l’ ennesima dimostrazione di come sui rifiuti, in generale, si stiano perdendo occasioni, lungimiranza, tempestività e soprattutto sensibilità. Noi continuiamo a denunciare, con la segreta speranza che, in quella porzione di territorio abbandonata a se stessa, la politica, stavolta, oltrepassi se stessa.

Degrado   Autigno   e Formica


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.