BRINDISI, COMUNICATO SINDACALE SU INCONTRO CON EDIPOWER

Le Segreterie Territoriali di FILCTEM/CGIL FLAEI/CISL UILTEC/UIL e la Rappresentanza Sindacale Unitaria della Centrale Edipower di Brindisi, in data odierna, hanno incontrato i vertici dell’azienda Edipower Spa e la Direzione locale della Centrale, presso la sede di Confindustria.

La riunione è scaturita dalla imminente scadenza dell’ammortizzatore sociale “Contratto di solidarietà difensiva”, adottato per i lavoratori Edipower di Brindisi il trascorso anno e dalla necessità di individuare strumenti di tutela per i lavoratori.

L’Azienda nel confermare il proprio interesse per continuare a investire sul sito di Brindisi, ha riepilogato il contesto del settore termoelettrico in Italia, contrassegnato dal significativo calo della domanda e dalla tumultuosa crescita dell’energia prodotta da fonti rinnovabili incentivate presenti in Puglia ed ha fornito aggiornamenti relativi al percorso autorizzativo sui tre progetti presentati (demolizione gruppi 1 e 2, riammodernamento impianto di produzione con combustione carbone-CSS e dimezzamento capacità da 640MW a 300 MW, realizzazione impianto per produrre “Ecoergite” combustibile rinnovabile alternativo al carbone).

Pur in presenza delle difficoltà sopradette, anche legate al significativo protrarsi dell’iter autorizzativo, si è pervenuti alla sottoscrizione di un verbale di accordo che proroga per ulteriori 12 mesi il Contratto di solidarietà difensiva per i lavoratori Edipower di Brindisi, con una riduzione media del salario del 45-50%.

Le Segreterie territoriali FILCTEM-CGIL, FLAEI-CISL, UILTEC-UIL e la RSU, hanno convocato l’assemblea di tutti i lavoratori della Centrale Edipower di Brindisi per il prossimo 28 novembre, alle ore 15:00.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.