#SAVETORREGUACETO FUMATA NERA PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE

Rimandata la scelta del nome dopo l’incontro di oggi, martedì 30 dicembre.

Ancora un rinvio per la nomina del presidente della Riserva di Torre Guaceto dopo l’incontro in programma nella mattinata di oggi, martedì 30 dicembre presso Palazzo Nervagna (Br). Al tavolo tecnico hanno partecipato il Comune di Brindisi, di Carovigno e il Wwf, riuniti in assemblea dei soci.

Il Forum dei comitati civici in difesa di Torre Guaceto ribadisce la necessità di una nomina oculata del Presidente della Riserva, con un incarico affidato a una figura dalle riconosciute capacità e competenze, in grado di essere al di sopra di lottizzazioni politiche e nomine dettate da vicinanze partitiche.

A fronte di un ulteriore rinvio, le migliaia di cittadini raccolti nel Forum non demordono e ancora una volta auspicano un maggiore senso di responsabilità nella gestione della vicenda, in particolare dai Sindaci di Brindisi e Carovigno che, attraverso i rappresentanti da loro nominati, governano la Riserva.

Al ritardo odierno si aggiunge l’evidente vuoto nella tabella di marcia della Regione Puglia che avrebbe già dovuto avviare il piano di intervento previsto. Il rischio che il Forum tiene a ribadire è quello di vedere slittare pericolosamente oltre la primavera ogni genere di azione a favore della tutela dell’ambiente e del futuro di una importante fetta di economia locale.

Il Forum si riunisce in assemblea aperta venerdì 2 gennaio, alle ore 18, in via Porta Lecce 80, a Brindisi. Durante l’incontro si avviano le azioni da intraprendere per organizzare una nuova e forte protesta sotto il Palazzo della Regione Puglia, durante la prima seduta del Consiglio Regionale del nuovo anno.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.