«We all love Ennio Morricone»: l’omaggio a un genio della musica e del cinema

Sul palco del Teatro Verdi di Brindisi, mercoledì 18 marzo (ore 20.30), protagonista la «Jazz Studio Orchestra» diretta da Paolo Lepore con un concerto tributo a Ennio Morricone. Un intenso percorso di musiche da cinema scolpite nella memoria di intere generazioni

Mercoledì 18 marzo (ore 20.30) il Nuovo Teatro Verdi di Brindisi apre le porte a un grande spettacolo tra musica e cinema omaggiando un musicista-icona come Ennio Morricone, il Premio Oscar compositore di colonne sonore per film che hanno segnato la storia del cinema italiano e non solo. Lo spettacolo «We all love Ennio Morricone» vede sul palco la «Jazz Studio Orchestra» diretta dal Maestro Paolo Lepore con quattro voci soliste e la suite per fisarmonica di Pino Di Modugno.

Ennio Morricone non ha bisogno di presentazioni. Uno dei compositori di musica per film più celebrati al mondo, autore di oltre quattrocentocinquanta partiture realizzate per altrettante pellicole, che ha saputo fondere linguaggi musicali più disparati – dal rock al jazz, dalla musica classica alle tradizioni popolari – al servizio di generi cinematografici eterogenei, dal western al film storico, dalle grandi storie d’amore ai gialli e ai film d’avventura. Lo spettacolo propone un lungo viaggio per ascoltare il cinema sugli spartiti di un grande genio della musica mondiale, pluripremiato e decorato, immortale mente di questo secolo.

Paolo LeporeUna volta Pier Paolo Pasolini scrisse che «la fonte musicale sfonda le immagini piatte dello schermo, aprendole sulle profondità confuse e senza confini della vita». E in effetti Morricone ha il merito di aver costruito negli anni un linguaggio musicale dotato di qualità timbriche, ritmiche e melodiche capaci di intercettare i bisogni del cinema. La produzione è ricca di temi plastici e incisivi, carichi di forza evocativa al punto che anche senza immagini nulla perdono del loro fascino, divenendo parte integrante del patrimonio sonoro di chi li ascolta.

La «Jazz Studio Orchestra», composta da sedici elementi e diretta dal Maestro Paolo Lepore, impagina un concerto con le più celebri soundtrack, ormai radicate nella memoria collettiva, a partire dai temi del West e dell’America, dove Morricone ha reso la musica un indissolubile elemento espressivo, che non accompagna le immagini, ma quasi le anticipa: dalle atmosfere nostalgiche di «Nuovo Cinema Paradiso» a quelle toccanti de «La leggenda del pianista sull’oceano», passando per gli epici spazi sonori dei cosiddetti «spaghetti western», ma anche del cult «C’era una volta in America», riproposti dalla «JSO» in arrangiamenti efficaci e impreziositi da una rosa di voci, con le aperture squisitamente jazzistiche di Cinzia Eramo e le derive più pop di Stefania Di Pierro e Silvia Anglani. A Fabio Lepore il compito di completare sul versante maschile il quartetto vocale.

L’omaggio propone anche altri temi, da quello latineggiante «Metti una sera a cena» a quello pastorale di «Mission», con la parte dell’oboe affidata ad Annamaria Minerva, colonna sonora tra le più riconoscibili e caratteristiche. Si arriva quindi al Morricone delle canzoni, da «Se telefonando» (brano scritto da Maurizio Costanzo e Gaetano De Chiara), a suo tempo affidata alla voce di Mina, alla più recente «Ancora qui», interpretata da Elisa su musiche di Morricone per il film «Django unchained» di Quentin Tarantino, fino all’aria «Conradiana», cantata da Andrea Bocelli nell’album «We all love Ennio Morricone». Il programma ritaglia uno spazio per i solisti dell’orchestra, tra i quali il trombettista Aldo Bucci e l’altosassofonista Mike Rubini. La serata si arricchisce anche della presenza del fisarmonicista Pino Di Modugno, il quale, facendo ricorso alle campionature, trasforma lo strumento in un’intera orchestra riproducendo tutte le sonorità che evocano le più classiche spezie “morriconiane”, in particolar modo nel filone western in una breve e trascinante suite.

Si comincia alle ore 20.30
Prezzi: platea € 15; galleria € 10
Durata: un’ora e 30 minuti senza intervallo

Programma del concerto:
1) C’era una volta in America
2) Gabriel’s oboe
3) Mission
4) Come sail away
5) Ancora qui
6) Metti una sera a cena
(SET PINO DI MODUGNO)
7) I knew I loved you
8) Il buono, il brutto, il cattivo
9) Nuovo Cinema Paradiso
10) Extasy of gold
11) Il pianista sull’oceano
12) Se telefonando
13) Here’s to you

Voci:
Fabio Lepore
Stefania Dipierro
Cinzia Eramo
Silvia Anglani

Oboe:
Annamaria Minerva

Fisarmonica:
Pino Di Modugno

Jazz Studio Orchestra (direttore M° Paolo Lepore):
Franco Angiulo
Doni Antonelli
Pako Baldassarre
Aldo Bucci
Massimiliano Bucci
Mimmo Campanale
Grazia Di Giorgio
Poldo Sebastiani
Marcello Di Pace
Dino Plasmati
Mike Rubini
Vito Scavo
Roberto Spagnolo
Luciano Palmitessa
Francesco Vergine
Antonio Vinci

Per tutte le informazioni www.fondazionenuovoteatroverdi.it
Tel. (0831) 229230 – 562554


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.