DIRITTO ALL’ASSISTENZA PSICOLOGICA PER I LAVORATORI DI ARCELOR-MITTAL PER IMPARARE A GESTIRE LA PAURA DEL FUTURO LAVORATIVO

Il Presidente Di Gioia “Tollerare l’incertezza è il primo passo da affrontare per gli operai, ma anche l’azienda deve impegnarsi a garantire la riqualificazione professionale”. 

Il clima pesante su Taranto e sul futuro dei lavoratori di Arcelor-Mittal Italia sta attraversando tutta l’Italia, e non solo la Puglia. Antonio Di Gioia, Presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia esprime solidarietà ai lavoratori del complesso: “Le donne e gli uomini che vivono da anni questa condizione di precarietà lavorativa, continuamente sospesi tra il bisogno di lavorare e l’inquietante certezza di mettere in serio pericolo la propria salute, devono essere tutelati anche e soprattutto sul piano psicologico”. Le ultime notizie riguardano migliaia di esuberi pena la risoluzione del contratto sottoscritto dal colosso industriale.

“La paura del futuro, di come mandare avanti il nucleo familiare, di come ricostruire la propria dignità di lavoratore si trasforma in ansia costanterabbia e frustrazione. L’effetto di queste condizioni si ripercuote anche nel contesto familiare alimentando così un circolo vizioso”. Il presidente Di Gioia punta l’attenzione su come il lavoratore debba poter essere aiutato a fronteggiare l’incertezza anche dall’azienda, ed avere gli strumenti necessari per sentirsi in grado di attraversare i cambiamenti. “E’ fondamentale, commenta Di Gioia, il supporto psicologico individuale e di gruppo per la prevenzione e gestione del disagio lavorativo, ed è indispensabile garantire la formazione tecnica, necessaria per la riqualificazione professionale”. Conclude il presidente: “Le persone sottoposte a prospettive così drammaticamente incerte pagano un danno molto alto in termini di disorientamento psicologico, malessere emotivo con ricadute psicosomatiche importanti.

Tollerare l’incertezza è una delle soft skills a cui devono prepararsi i lavoratori di oggi e quelli di domani. È vero l’incertezza del futuro lavorativo tocca ogni settore economico perché i cambiamenti legati alle nuove tecnologie e gli alti e bassi dei mercati sono repentini e imprevedibili. Certo è, però, che la capacità di tolleranza dell’incertezza riguarda soglie di gran lunghe più limitate di quelle che stanno affrontando i lavoratori EX-Ilva” sottolinea Laura Conte, psicologa del lavoro.

La dottoressa Conte osserva che: “Pur facendo appello a tutte le risorse necessarie per un buon grado di resilienza, lo sforzo che si chiede a queste persone ha del sovrumano. Il vissuto è quello di chi si sente merce di scambio ad un tavolo di gioco d’azzardo. Non è sentimentalismo puro, ma un’intera economia si è piegata al gigante di acciaio per decenni, compresi tutti i lavoratori dell’indotto ed ora il “croupier” chiede il conto”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.