BRINDISI.“ Un progetto straordinario per Brindisi” – presentato venerdì scorso a Palazzo Guerrieri “ l’ Ostello Nautico”

Un ambizioso progetto nato da un’ idea della manager Fabrizia Paloscia .

Fabrizia Paloscia

Brindisi, il territorio, per rilanciarsi definitivamente, ha bisogno ( anche e soprattutto) di progetti innovativi, “funzionali” tra l’ altro al consolidamento dell’ immagine, la crescita, l’ occupazione.

Non sono solo parole, ma progetti, obiettivi, a cui sta guardando anche l’ Amministrazione Comunale brindisina, ampliando “ l’ orizzonte” verso la sinergia, la condivisione .

E sono le persone, le “ forti e intelligenti” personalità, concrete e determinate, a proporre percorsi e progetti da presentare poi alle istituzioni . E’ il caso della manager brindisina Fabrizia Paloscia, che da diversi anni lavora e opera in altre realtà, e ( come dice lei stessa) ha deciso di “ pensare, fare qualcosa di straordinario e utile per la sua città “.

Un progetto , “Ostello Nautico galleggiante” ( giunto decimo al Bando del Laboratorio di Innovazione Urbana promosso dall’ Assessorato comunale alla Programmazione Economica ), presentato venerdì scorso a Palazzo Guerrieri.

Un progetto originale, straordinario, per Brindisi e non solo, che vede , oltre all’ Amministrazione Comunale di Brindisi, il coinvolgimento di tecnici, professionisti , che stanno lavorando a largo raggio per la realizzazione e fattibilità – ha dichiarato Fabrizia Paloscia – , in attesa naturalmente dell’ approvazione da parte dell’ Amministrazione Comunale e le necessarie e conseguenti autorizzazioni. E in questo ambizioso progetto, che può prima o poi anche allargarsi ad esempio ad altre zone e realtà salentine, vogliamo coinvolgere pienamente i cittadini , le associazioni ( ascoltare il loro parere, valutare ed attendere le adesioni) che tra l’ altro sono presenti alla presentazione “.

In sostanza, “ l’ Ostello Nautico Brindisi “ è un “villaggio galleggiante” in un punto della costa brindisina , in un contesto di “ economia diversa e circolare , con un’ isola costituita da contenitori galleggianti , imbarcazioni dismesse e ormeggiate “.

Ma come può essere “ funzionale” a nuovi sviluppi occupazionali e al processo di ampia condivisione con la comunità brindisina ? La risposta sta proprio nella “gran voglia” di Fabrizia Paloscia di portare avanti “ qualcosa di diverso e innovativo, “perché, in una fase molto difficile del Paese e del territorio brindisino, in cui continuano a regnare diffidenza, rassegnazione, depressione per le gravi problematiche , soprattutto con idee nuove si possono anche creare opportunità occupazionali “.

Insomma, un “ grande contenitore galleggiante” dove possano lavorare, ad esempio, donne del Centro Anti Violenza , giovani dal vissuto difficile, disoccupati, detenuti alla ricerca di un riscatto, emarginati .

Quante volte, a Brindisi, si è detto e parlato del fatto che “ uno sviluppo definitivo e significativo della città non può prescindere da un binomio occupazione – turismo sostenibile, che va sostenuto, consolidato, incoraggiato “.

L’ Ostello galleggiante guarda proprio ad uno sviluppo e attrazione del turismo – afferma Fabrizia Paloscia – guardando agli ospiti di passaggio, ai navigatori a cui offrire un’ accoglienza bella e di qualità, completa di ogni attività e servizio, ristorante, officine, bar, intrattenimento , informazioni storiche e culturali, conoscenze dei luoghi e patrimoni brindisini da visitare, un luogo dove si possa fare innovazione e ricerca. Se ci crediamo tutti insieme, con l’ impegno da parte dell’ Amministrazione comunale che è praticamente già partito, possiamo davvero concretizzare un percorso ambizioso, che può, senza presunzione, fare la storia di una città che è bella, piena di risorse che vanno solo sviluppate. E non sarà un problema di finanziamenti”.

In definitiva, un progetto che appunto va seguito, sviluppato, incoraggiato, e un ruolo importante avranno i cittadini brindisini e le associazioni ( alla presentazione del progetto, tra gli altri, erano presenti No Al Carbone e Lega Ambiente) con le loro adesioni ( che saranno via via raccolte dalla Banca del Tempo) e proposte .

Video Intervista a Fabrizia Paloscia ( Manager – Ideatrice del Progetto)

Foto Marcello Altomare .


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò il 17 mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.