FURBETTI DEI VACCINI, CENTRODESTRA: CHIEDIAMO CONSIGLIO REGIONALE MONOTEMATICO. QUALCUNO CI METTA LA FACCIA E SPIEGHI AI PUGLIESI CIO’ CHE ACCADE

Nota congiunta dei capigruppo di centrodestra Stefano Lacatena (Forza Italia), Ignazio Zullo (Fratelli d’Italia), Davide Bellomo (Lega), Paolo Pagliaro (La Puglia Domani) e Paolo Dell’Erba (Gruppo Misto). 

 “Malati oncologici, anziani, disabili gravi e categorie fragili che attendono pazientemente il loro turno per sottoporsi al vaccino anti-Covid, mentre in Puglia continuano a moltiplicarsi i casi di vaccini ‘discutibili’ la cui somministrazione appare non conforme ad alcun criterio di legittimità. E’ ora di dire ‘basta’ e qualcuno deve metterci la faccia e spiegare ai pugliesi cosa sta accadendo: per questo, abbiamo presentato una richiesta di Consiglio regionale monotematico per avere un’informativa precisa dal presidente Emiliano e dall’assessore Lopalco.

 “Si tratta di una questione di straordinaria rilevanza sociale, che investe l’interpretazione dei principi di equità e giustizia sociale. Su questo, si misura la sensibilità politica di tutti gli interlocutori e se il centrosinistra si ispira a diverse vocazioni è legittimo, ma deve assumersene pubblicamente la responsabilità politica. 

“La responsabilità non è di chi ha avuto una condotta impropria, sottoponendosi senza diritto al vaccino, ma di chi avrebbe dovuto vigilare e non l’ha fatto. 

“Allora, vogliamo vederci chiaro perché accanto ad eventuali profili penali ci sono indiscutibilmente quelli politici e noi abbiamo il dovere di chiarire ai pugliesi cosa sta succedendo.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.