VENTI ARTISTI PER VENTI ANNI in edicola lo speciale numero di maggio di quiSalento

Vent’anni fa “usciva” nelle edicole quiSalento, con il numero bimestrale “aprile-maggio 2001”. Vent’anni dopo, nel 2021, il giornale edito dalla cooperativa Espera festeggia l’importante anniversario e prosegue il racconto di una terra che, forse, all’epoca non era neanche pienamente consapevole del suo patrimonio materiale e immateriale.

Un racconto che ha sempre messo in primo piano la narrazione del territorio includendone, quando necessario, anche le ombre e i chiaroscuri, perché questa terra è bella anche, a volte soprattutto, per le sue contraddizioni e i suoi paradossi.

Vent’anni sono tanti e, sfogliando le pagine dei primi numeri, ci si rende conto di quanto il Salento sia cambiato, di come sia cambiata la sua narrazione e la sua stessa percezione. quiSalento ne ha raccontato la crescita non solo turistica ma anche e soprattutto culturale, artistica e identitaria, cercando di avere uno sguardo limpido su questa terra che non smette mai di stupire.

quiSalento celebra quindi i vent’anni, considerando questo momento non un traguardo bensì una partenza, e regalando due allegati ai lettori con la rivista in edicola da venerdì 30 aprile.

Innanzitutto un inserto speciale con 20 contributi per un personale e particolare “spaccato” salentino affidato agli illustratori Massimo Pasca, Egidio Marullo, Pietro Galeoto, Veronica La Greca, Alberto Giammaruco, Valeria Puzzovio, Andrea De Simeis, Paola Rollo; gli scrittori-narratori Annalisa Bari, Osvaldo Piliego, Chiara Idrusa Scrimieri, Mino De Santis; i fotografi Gabriele Albergo, Massimiliano Spedicato, Ilenia Tesoro, Ivan Tortorella, Daniele Coricciati, Antonio Chiarello, Chiara Leo, Marta Solazzo/quiSalento. Ognuno a proprio modo, con la propria arte e la propria sensibilità, ha restituito l’immagine di un Salento che rifugge la retorica, che per essere raccontato non ha bisogno di enfasi, che è orgoglioso e consapevole del suo passato ma anche solidale, sostenibile e aperto al futuro.

Il secondo omaggio è poi la quarta uscita del fumetto “Bande a Disegni”, iniziativa editoriale nata dall’incontro tra Bande a Sud, il festival del Comune di Trepuzzi, e l’idea di due artisti calimeresi, Alberto Giammaruco e Igor Legari, illustratore uno, musicista l’altro. Dopo le arie classiche, il “Bolèro” di Ravel, “La gazza ladra” di Rossini e la “Carmen” di Bizet, si cambia “registro” e si chiude con un capolavoro locale, scritto da Ernesto Abbate, la marcia “A Tubo!”, e con la storia di una delle più importanti realtà bandistiche italiane, la Banda di Squinzano.

Anche in questo numero non mancano le tante rubriche che da sempre accompagnano i lettori, mese dopo mese, alla scoperta di eventi, luoghi, botteghe, cinema, musica, mostre, libri, itinerari e tanto altro, come nella più classica tradizione di quiSalento. 

quiSalento è diffuso al prezzo di 3,50 euro in tutte le edicole di Lecce e provincia, di Brindisi e provincia, di parte della provincia Taranto.

 

quisalento.it

facebook.com/quisalento.it

instagram.com/quisalento


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: