Ha fatto tappa a Brindisi, nei giorni scorsi, il “Climate Caravans”

Ha fatto tappa a Brindisi, nei giorni scorsi, il “Climate Caravans” che ha visto lavorare insieme QG Enviro, il circolo ARCI Community Hub Brindisi APS, La Collettiva Transfemminista Queer Brindisi e l’Aps TempoPresente.

Agire dal basso e nei territori per fermare la distruzione climatica; agire localmente e pensare globalmente per mettere argine al cambiamento climatico attraverso i comportamenti quotidiani di ognuno di noi, con al centro un obiettivo fondamentale: la giustizia climatica. 

Sono queste le parole d’ordine che nei giorni scorsi a Brindisi hanno caratterizzato l’ultima tappa del Climate Caravans, programma finanziato dalla European Cultural Foundation, avviato nello scorso anno da una rete transnazionale impegnata su sensibilizzazione e contrasto ai cambiamenti climatici con il coinvolgimento di sei regioni europee: Brandeburgo, Mar Baltico sulla penisola di Curonia, Cracovia, regione di S. Pietroburgo, Puglia, Paesi Bassi settentrionali, e che nella nostra regione si è sviluppato grazie all’azione e al lavoro dell’associazione QG Enviro, attiva dal 2017 sui temi della sostenibilità e rigenerazione ambientale. 

Coordinato come capofila dall’EU Russia Civil Society Forum (https://eurussiacsf.org/), il programma ha avuto l’obiettivo di sviluppare metodi e strumenti creativi per favorire e facilitare la riflessione e soprattutto l’azione dellə partecipanti, tuttə under 35, sulle trasformazioni indotte dai cambiamenti climatici nelle diverse comunità di appartenenza per creare reti coese di cittadinanza attiva e promuovere in ogni realtà locale, grazie ai comportamenti responsabili e solidali, qualità sociale e lotta al cambiamento climatico. 

Dopo il primo workshop Climate Caravans tenutosi a Nardò nell’agosto scorso, dove i partecipanti al gruppo di lavoro, studentə e professionistə, sono statə sfidatə ad abbandonare le comfort zone verso comportamenti responsabili, il programma pugliese si è concluso a Brindisi il 3 gennaio scorso nell’ex convento di Santa Chiara ospiti di “Yeahjasi spazio musica” grazie a una collaborazione tra QG Enviro, il circolo ARCI Community Hub Brindisi, La Collettiva TransFemminista Queer Brindisi, l’associazione di promozione sociale TempoPresente. “Ancora una volta – ha dichiarato Giuseppe Scandone, esperto di agroecologia e tra i fondatori di QGEnviro – il gruppo è stato sollecitato a comprendere in prima persona, nelle esperienze di ogni giorno, i processi di trasformazione e mutazione climatica in termini di danni irreversibili all’ambiente e ai viventi. Abbiamo lavorato su emozioni e sentimenti, sull’importanza dell’agire insieme nelle comunità territoriali, sulle relazioni tra crisi ambientale, sovrapproduzione, iperconsumo”. 

Per rendere la formazione più coinvolgente, sono state utilizzate metodologie di educazione non formale e cooperative learning, come ad esempio un gioco di ruolo in uno scenario di crisi (siccità prolungata), attività motorie ludiche di team building, discussioni di gruppo guidate. I risultati non si sono fatti attendere. “Le e i partecipanti –  conferma Luca Taurino, con Giuseppe Scandone alla guida del lavoro – hanno mostrato seria preoccupazione per la crisi ambientale e temono per il loro futuro. Sono prontə a mettersi in gioco per catalizzare un cambiamento positivo e sono ben consapevoli che per evitare una catastrofe climatica è necessario attuare una radicale modifica del sistema economico attuale”.

 

La Collettiva Transfemminista Queer Brindisi

Circolo ARCI Community Hub Brindisi

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.