Cobas Brindisi.Corteo a bari e catene sotto la regione precari Sanitaservice

Il Sindacato Cobas ed i precari Covid di Sanitaservice , ormai disoccupati da 8 mesi ed alla fine della indennità di disoccupazione,dopo aver svolto il corteo per le vie di Bari si sono incatenati sotto la Presidenza della Regione Puglia per chiedere il loro rientro in Sanitaservice perché ne esistono le necessità.

Una delegazione di precari è stata accolta in Regione dove li ha ricevuti il dirigente dell’Assessorato alla salute, Antonella Caroli.

Abbiamo riproposto alla dottoressa che sia il Commissario straordinario della Asl di Brindisi, Giovanni Gorgoni, che l’Amministratore unico di Sanitaservice ,Francesco Zingarello , hanno già inviato da tempo le necessità di assunzioni a fronte di pensionamenti, ore di straordinari , nuovi servizi da affidare a Sanitaservice.

Questi dirigenti hanno confermato alla Regione che appena la stessa emana le nuove linee guida in tema di assunzioni dopo il blocco delle settimane scorse sono più che pronti ad inviare la documentazione che verrà richiesta.

La dottoressa Caroli ci ha confermato che esiste la massima attenzione da parte della Regione Puglia su Brindisi ;ha affermato  che nei prossimi giorni  emanate le linee guida e ricevuta la documentazione dalla Asl risponderanno immediatamente alle necessità di assunzioni risolvendo così il problema.

Il Cobas ed i precari presenti all’incontro, composta da ausiliari ed impiegati amministrativi  hanno riferito alla dottoressa che non molleranno e che torneranno la settimana prossima nella speranza di chiudere questa brutta pagina .

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: