TRIESTE, POLIZIOTTA SI TOGLIE LA VITA LI.SI.PO. / PNFD: INASCOLTATO IL NOSTRO GRIDO DI ALL’ARME

Se qualcuno aveva dubbi sul ritorno del “virus suicida” ora non ha più dubbi! Il “virus suicida” è ritornato con maggiore crudeltà e frequenza più breve. Risale al 26 u.s. l’ultimo tragico evento verificatosi nelle file della Polizia di Stato.

In data odierna a Trieste presso la Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato, una poliziotta si è suicidata. Così hanno dichiarato: Antonio de Lieto segretario generale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) e Franco Picardi segretario generale del PNFD “Polizia Nuova Forza Democratica” Il LI.SI.PO. ed il PNFD si uniscono all’immenso dolore dei famigliari della poliziotta che si è tolta la vita. L’allarme più volte lanciato dalle scriventi OO.SS. al Ministro dell’Interno, purtroppo è rimasto inascoltato. Sulla delicata problematica cui trattasi le scriventi OO.SS. hanno inviato al ministro un’articolata lettera aperta sulla delicata problematica del fenomeno suicidario che alberga nella Polizia di Stato. Ad oggi sebbene sia trascorso notevole tempo da quando è stata recapitata la lettera aperta, non vi è stato alcun riscontro. Giova evidenziare che nella missiva veniva messa all’attenzione del responsabile del Dicastero il contenuto di una circolare a firma del capo della polizia, riguardante il fenomeno suicidario che ad ogni buon fine si riporta: “è emersa l’esigenza di pianificare un ciclo di seminari sulla prevenzione del disagio e la promozione del benessere psicologico nel personale della Polizia di Stato, con focus sul fenomeno suicidario”. Ce lo lasci dire signor ministro (acqua fresca …). A parere delle scriventi OO.SS. “non vi è peggior sordo di chi non vuol sentire” I seminari a giudizio del LI.SI.PO. e del PNFD, non sono la soluzione alla delicata problematica che ha causato tantissime vittime. La strada da percorrere (più volte da noi segnalata ai vertici del Ministero dell’Interno) passa attraverso l’assegnazione di psicologi presso gli uffici provinciali della Polizia di Stato. Ovviamente questa scelta comporta dei costi mentre i seminari sono quasi a costo zero … A tal riguardo a giudizio del LI.SI.PO. e del PNFD, sulla vita delle persone non si deve badare al risparmio!!! È doveroso segnalare al ministro dell’Interno che, troppe mamme, troppe mogli e troppi figli piangono gli appartenenti della Polizia di Stato che si sono suicidati e sconoscono le cause che hanno trascinato i propri cari a compiere il drammatico gesto.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: