HPV e tumore al collo dell’utero, Lopalco (PD): “Approvata in Commissione Sanità nostra proposta di legge per aumentare la copertura vaccinale contro il papilloma virus attraverso l’offerta attiva”

Far sì che la Regione Puglia riconosca la vaccinazione contro l’HPV come parte centrale del programma di prevenzione del tumore al collo dell’utero e di altre forme di tumore anche maschili, rispondendo a quelli che sono i dettami internazionali che l’OMS ha lanciato a livello globale. Non solo. Sancire il principio del diritto acquisito ad una vaccinazione che, partita nel 2006 e rivolta alle allora dodicenni, deve vedere la Puglia fare uno scatto in avanti in termini di copertura per contribuire a innalzare la media nazionale e ridurre negli anni il numero di persone da sottoporre a screening. Sono questi i due principi alla base della nostra proposta di legge e non posso che essere felice per l’unanimità con la quale oggi, in III Commissione consiliare, la mia iniziativa è stata approvata. È il segno che quando si parla di sanità bisogna avere il coraggio di abbattere gli steccati politici e mettere al primo posto la sicurezza e l’interesse dei cittadini.

La vaccinazione anti HPV è tra quelle che più hanno sofferto gli effetti della pandemia, ma che ancora fatica a raggiungere l’obiettivo del 95% entro i 14 anni previsto dal Piano Nazionale di Prevenzione 2023-2025. Come Regione possiamo e dobbiamo fare di più.

Ringrazio i colleghi Commissari e l’Assessore Palese per aver espresso parere favorevole. L’augurio è che la proposta di legge arrivi presto in Aula per poter diventare quanto prima legge regionale.

 

 

 Pier Luigi Lopalco

Consigliere regionale PD Puglia


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: