NEL NOSTRO PAESE SI STA DIFFONDENDO IL SELF-SERVICE DEL SESSO. DE LIETO (LI.SI.PO.): CASTRAZIONE CHIMICA PER CHI STUPRA …. ED E’ POCO

Sabato notte una ragazza bresciana di 20anni dopo aver trascorso la serata in una discoteca di Desenzano si è recata in Ospedale presso il pronto soccorso ove ha riferito di essere stata vittima di una violenza sessuale una volta allontanatasi dal locale. Personale dell’Arma dei carabinieri a seguito della comunicazione dell’Ospedale, si sono recati presso l’abitazione della ragazza per raccogliere la testimonianza e avviare gli accertamenti di rito. Così ha dichiarato il Segretario generale nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto: Oramai, è un vero e proprio bollettino di guerra. Non passa giorno che qua e là, per l’Italia, si verifichino episodi di violenze sessuali ai danni di giovani e meno giovani donne, che hanno l’unica colpa di essere tali e di scatenare i più bestiali istinti di criminali, che ritengono di agire nella più assoluta impunità. È preoccupante l’escalation di stupri perpetrati nel nostro paese da “bestie” travestiti da esseri umani. A giudizio del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha rimarcato de Lieto – nella considerazione che, una percentuale di chi si rende responsabile di reati a sfondo sessuale, nel tempo ripete il suo crimine, è necessario che nel nostro ordinamento sia prevista la ”castrazione chimica”, anche se tanti cittadini sarebbero favorevoli a provvedimenti ben più radicali. I reati a sfondo sessuale, destano particolare allarme sociale ma questo non deve far passare episodi gravissimi, come quelli di violenza sessuale in secondo piano, forse proprio per non creare allarme è invece opportuno che i cittadini abbiano piena consapevolezza della gravità del fenomeno.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: