Salvo Mizzle e il suo “Sesso Matto A Malibù” in anteprima esclusiva su RockIt

Dal 10 al 17 Novembre il primo videoclip ufficiale del cantautore rock Salvo Mizzle, “Sesso matto a Malibù”, tratto dall’album d’esordio “Via Zara”, è visibile in anteprima esclusiva sul portale di RockIt www.rockit.it. Il video, prodotto dalla AVAC Produzioni e girato con una 8mm, per la regia di Gaetano Accettulli, vede protagonista Giuseppe Guida, alle prese con una divertente performance in cui sovrappone ritagli della sua faccia su volti di personaggi in pose esilaranti, dando vita ad una serie di mood pirandelliani che diventano metafora critica e decisamente sarcastica della società delle immagini in cui viviamo, dove apparire conta più che essere.

Il testo di “Sesso matto a Malibù”:

Se solo fossi quello che dici di essere
saresti sicuramente meglio del mio cesso
che di stronzi ne conosce
stanne certo non ha nulla da invidiarti
Non è per quelli come te
che perdo il gusto di dormire
devi impegnarti di più
sono sicuro che puoi
le armi giuste ce le hai
ti uccida il male che fai
Come ti vendi
con quei discorsi sull’economia
e tutti quei bastardi della polizia
oh diaz…”fuori da casa mia!”
Non è per quelli come te
che non ho il tempo per odiare
devi impegnarti di più
sono sicuro che puoi
le armi giuste ce le hai
ti uccida il male che fai
Non ti vergogni
ci pensa papi all’assicurazione
ho visto su in montagna fai le evoluzioni
su Face fatti figo ma dal vivo
sei un coglione
Non è per quelli come te
che perdo il gusto di dormire
devi impegnarti di più
sono sicuro che puoi
le armi giuste ce le hai
Ti uccida il male che fai
….ciccarone, ciccarone, ciccarone sesso matto a Malibù.

Biografia

Salvatore De Padova, in arte Salvo Mizzle, nasce a San Giovanni Rotondo (FG) il 13 Ottobre 1977.
Sin da piccolo coltiva la passione per le sonorità rock, ascoltando nella macchina di suo padre le note di artisti come Randy Newman, Dottor John, Joe Cocker…
Inizia a suonare la chitarra a 16 anni, da autodidatta, e ben presto comincia a cantare in formazioni che esplodono, si ricompongono e si modellano continuamente.
I primi esperimenti di scrittura sono in lingua inglese o qualcosa di simile.
All’età di 18/20 anni inizia a comporre i suoi testi in lingua italiana, scoprendo un mondo di infinite opportunità e variabili offerte da questo idioma dalle infinite potenzialità.
Vive e respira a pieni polmoni l’atmosfera musicale ed emozionale degli anni novanta le cui influenze sono riconoscibilissime nei suoi brani.
Nel Dicembre 2013 pubblica il suo primo lavoro da solista autoprodotto, “Via Zara”, con la collaborazione dell’amico Matteo Marcucci, che lo accompagna con chitarra, basso e cori.
Già dal titolo e dalla copertina (con un divano solitario, disperso in un campo aperto) si mostrano gli intenti di raccontare un mondo in cui non la sicurezza e la tranquillità non si possono dare per scontato neanche a casa propria, poiché c’è soltanto una parete a separarci dal mondo esterno.
Il primo singolo di lancio dell’album è stato “SMF”, che sin da subito fa guadagnare a Salvo meritate valutazioni entusiastiche da parte della stampa specializzata, ma è l’intero album, “Via Zara” a guadagnare da subito pareri positivi. I Think Magazine ne parla come di “un album che si ritrova parecchie frecce da scoccare a suo vantaggio”, RockIT elogia il fatto che questo disco “unisce la semplicità alla sofisticatezza, melodie allegre a temi più impegnati, brani orecchiabili ad altri lenti e più romantici”, Osservatori Esterni lo definisce “un album umile e sincero, baciato da testi validissimi ed arrangiamenti calibrati alla perfezione. È invernale per il modo in cui riesce a stuzzicare il nostro corredo emozionale, da cameretta per il suo approccio intimo e lo-fi, vendibile per la forza dirompente delle sue composizioni”.
Grazie a questo disco, tra il 2013 e il 2014 Salvo intraprende una ancora più intensa attività live e apre diverse serate di artisti molto attivi nel circuito indie italiano, quali Ilenia Volpe, Maria Devigili, Giovanni Truppi, Maybe I’m, Roberto Dellera (Afterhours).
D’altra parte, benché con un progetto di sola voce e chitarra, è proprio durante i live che Salvo Mizzle permette all’imponente carica emozionale dei suoi brani di esplodere attraverso performance catartiche e coinvolgenti, dall’attitudine quasi punk.
A Settembre 2014 partecipa alla seconda edizione del Think Music Contest, il concorso musicale legato al Thinkers Art Festival, in cui guadagna il terzo posto.
A Novembre 2014 pubblica il singolo “Sesso Matto A Malibù”, accompagnato dal primo videoclip ufficiale dell’album.
Il brano è una reazione sarcastica e ribelle nei confronti della società in cui viviamo oggi e che tante volte ci sta stretta, facendoci venir la voglia di fuggire via, in un posto lontano, alla ricerca di un po’ di libertà fuori dalla routine quotidiana, in un altrove da sempre sognato e mai raggiunto, in cui ritrovarsi.
Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/pages/Salvo-Mizzle/564810306923222?ref=ts&fref=ts
Bandcamp (contiene “Via Zara” in free download): https://salvomizzle.bandcamp.com/
aRtLoVeRs pRoMoTiOn 2 / 2
via Parzanese 3 – 76016 Margherita di Savoia (BT)
P.IVA 07518160721
Tel. 329 8787336
dooris@artlover.com
www.artloverspress.wordpress.com
Teaser del video “Sesso Matto A Malibù”:

DICONO DI SALVO MIZZLE:
I Think Magazine descrive “Via Zara” come “un album che si ritrova parecchie frecce da scoccare a suo vantaggio” – http://www.ithinkmagazine.it/musica/10635-recensione-salvo-mizzle-via-zara.html
RockIT elogia il fatto che questo disco “unisce la semplicità alla sofisticatezza, melodie allegre a temi più impegnati, brani orecchiabili ad altri lenti e più romantici” – http://www.rockit.it/recensione/24340/salvomizzle-via-zara
Shiver dice che è “Molto più di un debutto, “Via Zara” è una freschezza acustico/elettrica che spiazza, un saggio che mette a nudo grandi qualità e talento per un musicista tenacemente ancorato all’interpretazione dell’estetica del dentro e non dell’effimero del fuori” – http://www.shiverwebzine.com/2014/03/13/salvo-mizzle-via-zara-2013-dadauto-studio/
Osservatori Esterni definisce, invece, il disco “un album umile e sincero, baciato da testi validissimi ed arrangiamenti calibrati alla perfezione. È invernale per il modo in cui riesce a stuzzicare il nostro corredo emozionale, da cameretta per il suo approccio intimo e lo-fi, vendibile per la forza dirompente delle sue composizioni” – http://www.osservatoriesterni.it/novita/salvo-mizzle-via-zara
Altro Suono si esprime così su “Via Zara”: “l’album è composto da nove tracce e convince canzone dopo canzone. Il suo sound folk si apre alle sporcature del grunge, creando ambientazioni “notturne”, ruvide” – http://www.altrosuono.it/la-doppia-anima-di-salvo-mizzle-via-zara/
SonOfMarketing dedica a “SMF” un’anteprima video, definendo questo “uno dei pezzi che meglio mette in evidenza il lato acustico della sua musica” – http://www.sonofmarketing.it/anteprima-video-salvo-mizzle-smf/
AudioFollia descrive Salvo Mizzle come “un cantautore dall’attitudine rock e dalla personalità talmente variegata da non assomigliare a nessun’altro” e dice che ““Via Zara” è uno dei migliori esordi che mi sia capitato di sentire in questo inizio 2014” – http://www.audiofollia.it/salvo-mizzleun-cantautore-davvero-imperdibile-ed-originale.html


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.