LECCE CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2015: APPROVATO IL DECRETO DEL MINISTRO FRANCESCHINI PER LE FINALISTE DEL TITOLO EUROPEO

Lecce, Siena, Cagliari, Perugia-Assisi e Ravenna Capitali Italiane della Cultura 2015. Il titolo nel decreto presentato dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini e approvato oggi in Conferenza Unificata.


È stato approvato oggi in Conferenza Unificata il decreto presentato dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, con il quale vengono designate Capitali Italiane della Cultura 2015 le cinque finaliste del titolo europeo per il 2019 conquistato dalla città di Matera.
“Una grande opportunità da utilizzare al meglio – ha commentato il sindaco di Lecce, Paolo Perrone – Ci serviremo del titolo per valorizzare il lavoro svolto da Lecce 2019, per concretizzare le prospettive della neonata Fondazione e per rendere merito alla dedizione e alla fiducia che in questo progetto aveva riposto l’intera comunità leccese. Motivo per cui, coincidendo il 2015 anche con l’anno dell’Expo, mi auguro che il Ministro riveda la dotazione riservata ad ogni città pari all’importo di 200mila euro, liberando maggiori risorse dal decreto “Destinazione Italia” che possano consentire a Lecce di essere all’altezza delle aspettative e di attuare i numerosi e importanti progetti in cantiere”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.