BRINDISI, Il Timone,Ordine pubblico: Basta con le passerelle. La città vuole fatti concreti

In occasione del consiglio comunale di Brindisi sulla legalità e ordine pubblico di venerdì 28 novembre, presso il Nuovo Teatro “Verdi”, allargato a tutti i Comuni del territorio provinciale, con la presenza del viceministro dell’Interno, sen. Filippo Bubbico, e della senatrice Doris Lo Moro, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazione alle amministrazioni locali, l’associazione culturale “Il Timone – navigare con le idee”,

pur apprezzando lo sforzo degli organizzatori, ritiene che “la città di Brindisi non necessiti ancora di “passerelle” di politici o di rappresentanti istituzionali, ma di fatti concreti perché ogni giorno che passa la nostra città, il nostro territorio sono sempre più stretti nella morsa della criminalità”.
La situazione dell’ordine pubblico è ormai fuori controllo, sempre più insostenibile, come gli ultimi episodi di cronaca, purtroppo, ci confermano. La gente è disorientata ed impaurita, reclama da tempo il sacrosanto diritto alla sicurezza cittadina, al punto che la cultura della legalità deve essere sostenuta e praticata ai vari livelli. Questo perché a nessuno è più consentito di abdicare al ruolo ed alla funzione che gli compete. La nostra classe politica deve avvertire il dovere di selezionare i propri dirigenti, allontanando forme deviate di rappresentanza, dando esempi quotidiani di moralità e rettitudine. Ci sarà tutto il tempo di fare indagini e considerazioni sociologiche. Oggi occorre sostenere , il lavoro quotidiano che svolgono le nostre forze dell’ordine, garantendo loro mezzi e strumenti più adeguati.
A loro vada il nostro ringraziamento per tutto quello che quotidianamente fanno per garantire tranquillità, pur in presenza di organici ridotti ed insufficienti. Brindisi, sotto tale profilo, è agli ultimi posti dei pensieri e degli interventi di chi governa a livello nazionale. Ecco perché lo Stato, in tutte le sue più autorevoli espressioni, deve rivolgere una particolare attenzione alla realtà Brindisina, da troppo tempo dimenticata e abbandonata al suo destino. I nostri rappresentanti istituzionali, sia pur non in grande numero, devono far sentire la “voce” dei 400 mila abitanti del territorio provinciale.
In altre zone d’Italia, lo Stato è intervenuto con forza e decisione, dando segnali concreti di presenza e determinazione. Perché qui non accade più questo? Eppure, l’Operazione Primavera degli inizi del 2000 doveva insegnare qualcosa.
La tutela della sicurezza pubblica deve essere posta al centro dell’azione del Governo e degli organi preposti. La nostra è una comunità già provata dalla pesante crisi economica. Come si possono attrarre investimenti a Brindisi da parte di imprenditori di altre realtà se continuerà a persistere questo clima di paura e preoccupazione? Brindisi non ha più bisogno di semplici enunciazioni di principio o di vaghe ed imprecisate promesse. Ma di fatti. E’ ora di voltare pagina, anzi di cambiare rotta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.