BRINDISI, I Temi di Lara: donazione alla Provincia di una tela dell’artista Donato Bruno Leo

A seguito dell’importante evento del 25 novembre scorso “I Temi di Lara”, organizzato dalla Provincia di Brindisi, con la collaborazione di alcune associazioni del territorio, due artisti che hanno partecipato alla manifestazione fanno dono di alcune loro opere all’Amministrazione Provinciale per testimoniare l’importanza dell’iniziativa e il loro forte contributo per la sensibilizzazione contro la violenza di genere e sui minori.


Oggi, in particolare, il pittore Donato Bruno Leo ha donato alla Provincia di Brindisi la tela, h.140x l.180, dal titolo “Kenosis della violenza”, da lui creata durante la performance di pittura, nel’ambito delle varie iniziative programmate per l’evento “I temi di Lara”. La dott.ssa Fernanda Prete, Dirigente della Sicurezza sociale e politiche giovanili della Provincia di Brindisi, ha ringraziato vivamente l’autore per il nobile gesto e la sensibilità dimostrata verso il problema della violenza sulle donne e sui minori.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: