Calcio a 5, Futsal Messapia Brindisi-Aquile Molfetta, a voi!

Il giorno della finale di Coppa Italia è finalmente arrivato. Nel bellissimo impianto del palasport “Wojtyla” di Martina Franca, il Futsal Messapia Brindisi e l’Aquile Molfetta si contendono il primo trofeo ufficiale della stagione. Vincerlo significherebbe anche approdare alla fase nazionale della competizione, oltre ad avere il diritto di disputare la finale di Supercoppa contro la squadra di serie C2 che si aggiudicherà la Coppa Puglia.


Finale Coppa Italia-I brindisini per qualificarsi a questa finale hanno eliminato il Real Five Carovigno agli ottavi, l’Olympique Ostuni ai quarti e l’Atletico Cassano in semifinale. Le avversarie dell’Aquile Molfetta sono state il Futsal Canosa, il Casalsavoia e il Futsal Capurso.
Non ci sono squalificati nel Messapia, pertanto le scelte dei dodici da convocare saranno basate esclusivamente sulla condizione fisica dei singoli, oltre che sulle necessità previste dal regolamento. Il Molfetta, invece, dovrà fare a meno degli squalificati Foletto, De Scisciolo ed anche di Mongelli ceduto all’Acqua&Sapone Locorotondo. In compenso i molfettesi schiereranno i neoarrivati Dell’Olio, prelevato dal San Rocco Ruvo, e Acquaviva, preso dal Casalsavoia.
Le due società si sono già accordate per le divise da indossare: maglia azzurra con la “V” bianca per i brindisini e casacca rossa per l’Aquile.
Dirigeranno l’incontro gli arbitri Cafaro della sezione di Lecce e Losacco di Bari. Il calcio d’inizio è fissato per le ore 21, dopo la finale femminile (ore 19) che vedrà di fronte il Martina e la Fovea.

Finale Coppa Italia
Futsal Messapia Brindisi-Aquile Molfetta
(martedì 16 dicembre 2014, ore 21, palasport “Wojtyla” di Martina Franca)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: