BARI, ECOFESTA PUGLIA LANCIA L’ECO-BABBO

È on line l’irriverente video-tutorial di Ecofesta Puglia, per delle festività senza sprechi  e all’insegna del consumo consapevole

Ecofesta Puglia, la certificazione volontaria che riduce l’impatto ambientale degli eventi, – vincitrice del bando Social Innovation del Miur nell’ambito del progetto La Tradizione fa Eco-modello di sostenibilità per innovare la tradizione e rivoluzionare gli eventi pugliesi -, ha lanciato il primo corto della campagna Buonecofeste per promuovere stili di vita sostenibili in occasione delle feste.

Protagonista del corto è uno strano personaggio, un eco-babbo, che decide di realizzare un video-tutorial per istruire i suoi followers su come risolvere il problema degli sprechi e ridurre l’impatto ambientale, soprattutto in un periodo come quello natalizio, dove aumentano i consumi e in pochi fanno una buona ed efficace raccolta differenziata. Il video è stato realizzato dal regista Mattia Epifani in collaborazione con l’agenzia di Storytelling Bizarre.
Mentre sul web impazza la polemica sulla ridondanza e la pesantezza innescata dal decalogo di Greenpeace sui consigli per un Natale eco-friendly, Ecofesta Puglia ha scelto di sensibilizzare e informare, puntando sul sarcasmo, giocando con la figura ormai popolare dello “youtuber” e ironizzando con intelligenza su se stessi e su coloro che conoscono bene, invece, i rischi delle scorrette abitudini dei singoli.
Ecobabbo2-1Non si possono sottovalutare, infatti, gli sprechi che avvengono nel periodo natalizio, caratterizzato da feste, cenoni e ritrovi familiari. Secondo i dati della campagna “Food we want” dell’Unione Europea nel 2013 dal 25 dicembre a fine anno, in Italia sono finite nella spazzatura 440mila tonnellate di cibo. Una cattiva abitudine che è pesata nelle tasche degli italiani circa 50 euro in meno a famiglia per un valore complessivo di 1,32 miliardi di euro. E se non dovesse bastare, come spesso accade in occasione delle feste, aumenta il consumo di stoviglie monouso in plastica: secondo i dati diffusi qualche anno fa da Mark Up, il loro utilizzo si ripartisce al 35% nei party domestici e per il 33% in feste e ricorrenze.  Un consumo elevato soprattutto al Sud Italia, dove si concentra la metà del mercato. Infatti, esistono delle alternative biodegradabili e sono sempre più accessibili. Per convincere i più scettici, basta ricordare che se non vengono avviati al processo di riciclo, piatti e posate di plastica impiegano dai 100 ai 1000 anni per degradarsi.
Fatti beccare con le mani nel sacco è solo il primo di una lunga serie di video-clip che Ecofesta Puglia ha deciso di realizzare nel corso dei prossimi mesi, per far conoscere le proprie attività, per informare e per diffondere buone prassi. Imparare a differenziare e a ridurre i quotidiani sprechi, significa regalare a se stessi e agli altri un ambiente sano e pulito.
Da domani mercoledì 24 dicembre sarà online il video del corto sul canale youtube di Ecofesta Puglia: www.youtube.com/user/ecofestapuglia
Potete seguire le attività di Ecofesta sui social network:
Facebook: Ecofesta puglia
Twitter: twitter.com/ecofestaPuglia
Instagram: ecofesta puglia
per info: ecofestapuglia@gmail.com


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.