BRINDISI,FORUM AMBIENTE SALUTE E SVILUPPO:SERVIZI O DISSERVIZI PUBBLICI?

La vicenda della gestione dei rifiuti e  quella delle mense scolastiche hanno alcuni punti in comune: riguardano  entrambe pubblici servizi ed hanno messo in rilievo  gravi lacune nella programmazione e nei controlli istituzionali.

In entrambi i casi da tempo, fra contrasti e controversie  anche a livello giudiziario, si  è cercato  di trasferire a nuove società la gestione di tali  delicate attività, per cui  il Comune  avrebbe  dovuto garantire un trasferimento della gestione che  non producesse disagi palesi o qualcosa che somiglia a  una vera e propria interruzione di pubblico servizio.

Al di là dell’opportunità di cercare un nuovo gestore per la raccolta di R.S.U.  soltanto  per sei mesi in attesa della gara di  appalto per l’ambito di  raccolta ottimale (ARO) che avrà un’accellerazione dopo la nomina di un commissario ad acta, non si può certamente addebitare alla società uscente  la mancanza o l’inadeguatezza di  mezzi: cassonetti, pattumelle  (bidoncini familiari), raccoglitori per rifiuti  speciali (medicinali, batterie esauste ecc) e piattaforme di conferimento di materiali non direttamente  raccolti .

Il sequestro di un compattatore operato dalla DIGOS ha dimostrato che i rifiuti vengono raccolti alla rinfusa e l’umido non è affatto conferito agli impianti di compostaggio.

Gli effetti dei disservizi  concernenti la raccolta di R.S.U. si sono già tradotti nel  crollo della percentuale di raccolta differenziata  che, dopo aver raggiunto alla fine di ottobre il 37,56% , oggi è scesa al 16,41%.  L’ecotassa pesantemente a carico dei brindisini è dietro l’angolo!

Anche per quel che riguarda la gestione del servizio mensa presso le scuole di Brindisi non è possibile immaginare che si ignorasse che la nuova ditta  non avesse a disposizione arredo indispensabile  per l’espletamento  dell’incarico.

I cittadini pagano i tributi per servizi che vengono totalmente meno o sono intollerabilmente deficitari.

Dove sono le responsabilità? Chi pagherà i danni?

La politica deve dare chiare e tempestive risposte senza attendere interventi giudiziari.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.