BRINDISI, Giornata campale per la Discarica di Formica

Dissequestro, condanne, assoluzioni. Una giornata “ campale” quella di ieri per la Discarica di Formica che in sostanza, secondo i giudici, può nuovamente operare lasciandosi alle spalle un passato fatto di traffico illecito di rifiuti tossici e pericolosi.


Dissequestro, condanne, assoluzioni. Una giornata “ campale” quella di ieri per la Discarica di Formica che in sostanza, secondo i giudici, può guardare al futuro ( quindi operare) lasciandosi alle spalle un passato fatto di traffico illecito di rifiuti tossici e pericolosi.
Il primo capitolo giudiziario del processo a carico di dirigenti e dipendenti della Formica Ambiente parla di nove condanne e due assoluzioni, dopo diversi capi di accusa tra cui anche la corruzione. 1 anno e 10 mesi per Vincenzo Fiorillo( amministratore delegato,in pratica colui che sarebbe stato il principale fautore di tutte le operazioni illecite nei rifiuti, questa condanna a fronte di una richiesta di 6 mesi da parte del Pubblico Ministero). 3 anni di reclusione ( con interdizione di cinque anni dai pubblici uffici) per Andrea e Giuseppe Vidori , imprenditori di Treviso ( quindi protagonisti sull’ asse rifiuti Puglia – Nord Est). 3 anni di reclusione anche per Maurizio Chiesurin, 6 mesi Giovanni Birtolo, 9 mesi Paolo Castiglione, gli stessi mesi per Francesco Spagnoletto, 9 mesi Cosimo Cucinelli, Loris Filomena 6 mesi. Tutti condannati alle spese processuali e unici assolti Gianluca Di Giulio e Alessandro Morgese.
A questo punto, la domanda da porsi, in questa vicenda da cui i protagonisti non possono proprio esimersi dalla grossa responsabilità di aver creato enormi danni all’ ambiente e alla salute, è questa: ma la Discarica di Formica sarà o potrà essere ancora operativa ?. La risposta l’ hanno data i giudici, decidendo in sostanza per il dissequestro. Secondo il Tribunale di Brindisi, attualmente la Discarica è in possesso di requisiti sotto il profilo gestionale, strutturale e organizzativo che prima non aveva. Quindi, “in soldoni”, l’ impianto è restituito ai proprietari, che in tal modo possono continuare a lavorare e operare.
Tra circa tre mesi verranno depositate le motivazioni di una sentenza che sicuramente susciterà ancora discussioni, dibattiti, ma anche riflessioni. Quante volte si è detto( alla luce anche di una recente decisione del TAR di Lecce) “ riapre la Discarica degli indagati”, in mezzo alle proteste, ai sit- in organizzati nei mesi scorsi da cittadini, movimenti e associazioni. Ora, a tutti gli effetti, salvo colpi di scena, quella discarica è di nuovo ( e pienamente) operativa, con anche richieste di ampliamento.
A volte ritornano, si spera stavolta nel rispetto delle leggi, della legalità, della salute e dell’ ambiente.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.