BRINDISI, AMBIENTE, UNA CONFERENZA GENERALE SUI MALI DELLA CITTA’

Brindisi è sempre più una città in difficoltà. Ai problemi cronici di una economia  in ristagno e di una dilagante disoccupazione nonché della preoccupante macro e micro criminalità, si aggiungono oggi quelli della inadeguatezza del servizio di igiene urbana, di un traffico automobilistico caotico e soffocante e di una praticamente mancante assistenza e accoglienza turistica.

A tutto questo si aggiunge l’annoso problema dell’inquinamento e del degrado ambientale con serio  danno per la salute dei cittadini.

L’aggravamento della raccolta dei rifiuti urbani è sotto gli occhi di tutti così come la chiusura del parcheggio di Via del Mare e  del Piazzale Lenio Flacco, hanno determinato, come era prevedibile, una situazione di vera e propria invivibilità, mentre le periferie continuano a fare registrare situazioni di abbandono.

Gli ancora irrisolti problemi della erosione della costa e del degrado di tutta la zona interessata sono un pessimo biglietto da visita per una città che si troverà impreparata a ricevere ed offrire adeguati servizi alle centinaia di turisti in arrivo con le navi da crociera  a partire dalla prossima primavera.

Quale la causa di quanto accade? Noi la individuiamo nella colpevole assenza di una organica programmazione con il superamento di una politica che appare rassegnata ad affrontare i problemi in maniera frammentaria e tardiva.

Da tempo abbiamo chiesto alla politica di mettersi in ascolto delle domande dei cittadini. E lo abbiamo fatto suggerendo la riconvocazione della storica conferenza sull’emarginazione o comunque di un ampio confronto sulle vecchie e nuove povertà.

A fronte della complessità della situazione venutasi a creare, oggi convertiamo queste istanze nella richiesta della convocazione di una assemblea generale sui mali della città per raccogliere analisi e proposte utili alla soluzione dei tanti problemi che condizionano in negativo la vita della nostra comunità.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.