BRINDISI, BBC : Mercoledì 18 si presenta il libro di Giuliano Pavoni ” Venditori di Fumo”

Brindisi Bene Comune presenta Mercoledì 18 marzo alle ore 18.00 in via Porta Lecce 80 il libro di Giuliano Pavone “Venditori di Fumo. Quello che gli Italiani devono sapere sull’ILVA e su Taranto”.

Ne discuteremo con l’autore Giuliano Pavone, giornalista e scrittore tarantino, ed Alessandro Marescotti di Peacelink .

Il libro Venditori di Fumo racconta la storia dell’ILVA , della città di Taranto e dei suoi abitanti. Una storia paradigmatica dell’Italia di oggi nella quale intere comunità sono asservite agli interessi dei grandi potentati economici con la complicità della politica e i silenzi e spesso anche la disinformazione dei media.

In una telefonata intercettata, due membri della famiglia Riva, i proprietari dell’Ilva, usano l’espressione “vendere fumo”. Una formula involontariamente emblematica di una vicenda in cui alle emissioni nocive del grande stabilimento si aggiunge la cortina di disinformazione che le ha coperte.

Il Fumo di cui si parla non è quindi solo quello proveniente dalle ciminiere dell’acciaieria, ma è anche  quella cortina di disinformazione e connivenze che l’ha reso invisibile fino a oggi, permettendogli di propagarsi e fare danni così a lungo. Nascondere il fumo con altro fumo”.

La coltre di nebbia sembra convenire a tutti: agli industriali, che in tal modo possono agire indisturbati; a politici e sindacati, poiché possono mostrarsi come i più strenui difensori del “diritto al lavoro”; ai media, che così possono godere delle pubblicità ben retribuite dei padroni dell’Ilva.

Quella di Taranto è rimasta a lungo una tragedia silenziosa, schiacciata sotto il peso del ricatto occupazionale e di “relazioni pericolose” intrattenute dall’Ilva con quelli che dovevano essere i suoi controllori: sindacati, forze dell’ordine, organi di giustizia, stampa e la politica fino ai più alti vertici nazionali. E a partire dal luglio 2012, quando sequestri e inchieste hanno finalmente acceso i riflettori sulla vicenda, dall’occultamento della realtà si è passati alla sua mistificazione.

Il caso Ilva oggi viene troppo spesso rappresentato come una semplice vertenza occupazionale o una questione di politica industriale. I drammatici dati di malattia e di morte, che qualcuno contro ogni evidenza mette ancora in dubbio, vengono derubricati a fattore scatenante di un problema squisitamente economico, anziché essere considerati essi stessi il problema.

L’Ilva è oggi il terreno su cui si misurano le vere priorità e la credibilità del nostro Paese. Una storia profondamente italiana, fatta di grandi opere e grandi omissioni, di scelte avventate e di malaffare, di cinismo e umanità, ignavia ed eroismo.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.