BRINDISI, XX Giornata della Memoria e dell’Impegno

La “XX Giornata dell’Impegno e della Memoria”, a Brindisi, avrà come manifestazione centrale l’adozione, da parte dell’II.T.T. Carnaro-Marconi-Flacco-Belluzzi, dei finanzieri Alberto De Falco ed Antonio Sottile quali vittime di mafia.


La manifestazione, alla presenza dei familiari delle vittime, di autorità scolastiche civili e militari, del Procuratore della Repubblica di Brindisi, e delle scolaresche brindisine, avverrà venerdì 20 marzo, alle ore 9,00, presso l’aula magna del Liceo P.P.”Ettore Palumbo”, via A.Grandi, 17, Brindisi. Nel corso della manifestazione saranno letti i nomi delle vittime innocenti di tutte le mafie.
La notte del 23 febbraio 2000, in un’ operazione di controllo del territorio, la Fiat Punto su cui viaggiavano quattro giovani finanzieri, venne deliberatamente investita da un fuoristrada corazzato e blindato contrabbandiero. In quel terribile urto, morirono Alberto De Falco e Antonio Sottile e rimasero gravemente feriti gli altri due militari Edoardo Roscica e Sandro Marras. Solo a questo punto ci fu, con l’inizio della cosiddetta “Operazione Primavera”, la decisa risposta dello Stato che ha, di fatto, bonificato il territorio brindisino dall’ invadente intreccio tra Sacra Corona Unita e contrabbando. Se oggi c’è più vivibilità sul nostro territorio, lo si deve anche al sacrificio ed alle sofferenze degli uomini che occupavano quella Punto. La città di Brindisi non dimentica e non dimenticherà.
Le associazioni promotrici della manifestazione sono la Scuola di formazione politica Antonino Caponnetto, LIBERA, CGIL Prov.BR, Proteo Fare Sapere BR,I.I.T.T.Carnaro-Marconi- Flacco- Belluzzi.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.