INAIL Brindisi, Anno Nuovo Vita Vecchia! I dipendenti della Sede Inail di Brindisi da giorni sono costretti a lavorare con temperature

I dipendenti della Sede Inail di Brindisi da giorni sono costretti a lavorare con temperature rigide in una sede ridotta ormai al collasso sotto molti punti di vista.


In molte parti comuni e in alcune stanze da giorni non funzionano i climatizzatori installati in precedenza per rispondere al malfunzionamento del vecchio impianto idraulico di riscaldamento.
Facendo un passo indietro c’è da dire che già nel 2017 il vecchio impianto termico, quello con i tradizionali termosifoni, era stato dismesso. Al suo posto furono dislocati, nelle stanze che ospitano le postazioni da lavoro (ma non nei corridoi e negli spazi comuni), alcuni condizionatori, mentre nei bagni, rimasti al freddo e al gelo, solamente alcune stufette elettriche, che non hanno dato compiuta risoluzione al problema e rappresentano sicuramente dei rischi che non sembra il caso di far correre ai lavoratori. Da dicembre 2018, in alcune stanze è stato segnalato il non funzionamento di alcuni condizionatori di recente installazione, peraltro più volte posto all’attenzione dell’amministrazione senza esito, se si escludono alcuni sopralluoghi rimasti sinora infruttuosi. Tal malfunzionamento costringe in questi giorni i dipendenti ad indossare in servizio cappotti e giubbotti e ad usare stufe elettriche per potersi riscaldare.
Cosa dire? Che fa solamente specie che proprio in un Ente che trae, nemmeno a farlo apposta, dalla tutela della sicurezza dei lavoratori la sua ragion d’essere i dipendenti debbano operare nelle condizioni sopra descritte.
Questa O.S. denuncia, ancora una volta, le pessime condizioni in cui sono costretti ad operare i Dipendenti dell’Inail di Brindisi e procederà, in caso di ulteriore indugio ad interessare le autorità preposte”

p. USB PI Puglia
Luca Puglisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.