“Fidal Brindisi Awards”, cerimonia di premiazione delle attività che si è svolta ad Ostuni nei giorni scorsi. Una grande festa per una “ scuola di vita e di sport “.

Lo  diciamo spesso,  perché  è  il  messaggio che deve essere colto, anche approfondito, per far capire  alle comunità  quanto  lo sport, soprattutto  per i più giovani,  sia  un’ occasione di crescita.  E lo  sport, in ogni disciplina, attraverso  l’ impegno delle federazioni  e di tutte le realtà protagoniste, è  parte importante  della nostra  vita.

E’  il messaggio , ad  esempio, da  sempre   trasmesso dalla  Fidal  Brindisi (  Federazione   Atletica  Leggera)  che  proprio lo scorso  26  gennaio, ad  Ostuni,  ha   organizzato     “ Fidal  Awards”, cerimonia   di premiazione  delle  attività, di fronte ad  un gruppo  gremito.

E  di attività,  gare, iniziative, a Brindisi  e nel territorio,  la  Fidal  Brindisi  ne ha davvero organizzate tante, grazie soprattutto   all’ impegno, al sacrificio, alla passione delle proprie  risorse umane. Sicuramente,  emblema  di questa  significativa   “ scuola di vita  e di sport”  è l’ impianto  di Contrada   Masseriola, la   “ storia”  dell’ atletica brindisina , della Fidal, di  società   come la Folgore  da cui sono usciti  fuori  promesse brindisine  dell’ atletica .

 La  manifestazione  si è svolta  presso   il Centro   Pastorale  “Madonna  della Nova”, ed   è stata  anche  l’ occasione  per  presentare  la seconda  edizione  di   “Corri, Salta  e Lancia”  organizzata  dal Comitato  Provinciale  della  Fidal.   Ospite  d’ eccezione   il triplista  Daniele  Greco, tra l’ altro  campione  ai campionati   europei  Under   23   di  Kaunas  2009,  Europei  indoor   di Goteborg  2013 ed ai  Giochi  del  Mediterraneo  di Mersin  2013,  insieme ad altre grandi  prestazioni  e titoli.

Insomma, una   grande festa  della realtà Fidal, un’ imperdibile  occasione  per ricordare  tutto quello  che è stato sinora fatto, in nome  di  quella  “ sana cultura sportiva”  che dovrebbe essere patrimonio di tutti.  Parlavamo  delle risorse umane  che, come in ogni settore della vita, sono determinanti per portare   avanti  qualsiasi  percorso  e progetto.   Il  Presidente  del  Comitato  Provinciale  Giancosimo  Pagliara,  il  Vice  Presidente ( con delega  al  settore   assoluto) Cosimo  Leuci, il  Segretario  ( con delega  al  Settore  Master) Ferdinando  Dragone, il    Fiduciario  Tecnico   Provinciale  Francesco   Papeo, il  Consigliere   con delega  alla comunicazione   Riccardo  Primicerio.   Queste figure, insieme a tutti gli altri  che, anche dietro  le quinte, danno quotidianamente il proprio contributo, con soprattutto  una parola  d’ordine :  l’ amore  per  lo sport.

In  tutti questi anni, uno  dei grandi obiettivi  della Fidal  è  sempre   stato  quello di creare  sinergie   anche con le istituzioni. Un  quadriennio  olimpico  contrassegnato  da un’ intensa  attività su  pista, con le  categorie giovanili  e  master, e un’ intensa  collaborazione e sinergia con tutte le società del territorio.  Un rapporto che, tanto per fare un esempio, ha portato  alla realizzazione   di un campionato  praticamente  a tappe  sopranominato   “  Sulle  Vie  del Brento”.

Una  grande festa  che ha visto  la partecipazione  di autorità  civili e istituzionali, e del mondo sportivo  :  il primo cittadino  di Ostuni  Gianfranco   Coppola, il  Presidente  Fidal  Puglia  Giacomo  Leone ( grande maratoneta  e vincitore  della  Maratona  di New York  nel 1996 ), il  Presidente del  Coni  Puglia  Angelo  Giliberto,  il  Delegato   provinciale  brindisino   Oronzo   Pennetta,  il Capo Settore  Mezzofondo   in  Puglia    Ottavio  Andriani,  il  Presidente  del Comitato  Regionale  Puglia  Giuseppe   Pinto.

Molti  gli atleti  e le società  premiate.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.