Aviazione Brindisi, Stefàno (PD): “Lo smantellamento previsto impoverirà gravemente il territorio”

Centro di Controllo Apulia e Centro Radar di Brindisi, non si mortifichi il territorio e i lavoratori altamente qualificati che vi operano”.

È quanto sottolinea il senatore Dario Stefàno, presidente della Commissione Politiche dell’Unione europea, in una lettera alla Presidente del cda di ENAV, Francesca Isgrò, e per conoscenza ai ministri Giovannini e Carfagna, sulla chiusura prevista del centro di controllo di avvicinamento Apulia, che serve gli aeroporti di Bari e Brindisi, e del Centro radar di Brindisi (Brindisi ACC).
“Si tratta di una vicenda su cui ho chiesto più volte, anche con atti di sindacato ispettivo, un intervento da parte dei Ministri competenti, poiché in termini territoriali la chiusura si traduce in un ingente danno economico e occupazionale, con la perdita di circa 200 posti di lavoro”.
“Peraltro – prosegue Stefàno –  il progetto di accorpamento della gestione dei Servizi di Rotta e di Avvicinamento sembrerebbe avanzare a passo spedito solo per Brindisi e non anche per Padova, dove, al contrario, le stesse procedure sono state rinviate di ben 10 anni”.
“Siamo di fronte ad una dismissione vera e propria  – sottolinea il senatore – in un momento di crisi sanitaria ed economica, che contrasta fortemente con gli indirizzi di tutela e rilancio che potrebbero trovare anche nell’ACC di Brindisi un’espressione di rinvestimento”.
“Per questo – conclude – ho chiesto di essere messo a conoscenza dell’intendimento ultimo di ENAV in ordine al piano industriale e se dunque si intende continuare a dare seguito agli interventi di “smantellamento” delle strutture del Controllo di avvicinamento e del Centro Radar di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.