Corsi di laurea per la professione infermieristica. Galante (M5S): “Prossimo passo incontri in tutte le province tra Asl, Università e OPI per risolvere le criticità”

Si è tenuta questa mattina una nuova riunione del tavolo permanente di confronto tra Regione e OPI Puglia sui corsi di laurea per la professione infermieristica attivati con il coinvolgimento delle università pugliesi.

Presenti all’incontro di oggi i direttori generali delle Asl pugliesi in cui ha sede il corso di laurea. Sono intervenuti il professor Alessandro Dell’Erba,  neo presidente della Scuola di medicina di Uniba, il professor Attilio Pisanò di Unisalento e la professoressa Flavia Indrio dell’Università degli Studi di Foggia, e per un saluto istituzionale anche  l’assessora regionale al Welfare Rosa Barone.

“L’obiettivo del tavolo – spiega il consigliere del M5S Marco Galante, promotore del tavolo e delegato a partecipare per il presidente Emiliano – è quello di risolvere le criticità emerse dall’analisi attuale sui requisiti di accreditamento dei  corsi di laurea realizzata da tutti gli Ordini Pugliesi. Obiettivo condiviso è quello di definire un percorso condiviso finalizzato a raggiungere gli  standard strutturali e organizzativi  previsti per il Corso di Laurea in Infermieristica indicati dall’ANVUR e disciplinati dai DM ministeriali . Per questo oggi erano presenti anche i direttori generali delle ASL e i rappresentanti delle Università, che hanno assicurato di aver già risolto alcuni dei problemi rilevati e la disponibilità a incontri nelle diverse province, in modo da lavorare insieme per migliorare l’offerta formativa e garantire omogeneità su tutti i territori. Tra gli obiettivi qualificanti previsti per l’accreditamento, su cui  è indispensabile lavorare,  ci sono le attività di tirocinio clinico guidato sui territori, che al momento non risultano essere svolte; la presenza di direttori didattici delle attività formative professionalizzanti, che devono essere a tempo pieno e non impegnati anche in altre attività; e la presenza di adeguate strumentazioni per la didattica. Su Lecce serve gestire al meglio questa fase di transizione nel passaggio dei corsi dall’Università di Bari alla nuova facoltà di medicina di Unisalento. La pandemia ha reso chiaro che serve aumentare il numero degli infermieri da formare, data la carenza di professionisti, per cui già quest’anno sono state aumentate le immatricolazioni, ma per farlo è necessario garantire alti standard formativi. Dobbiamo  rivedere il protocollo d’intesa tra la Regione Puglia e l’Università degli Studi di Bari, siglato nel 2008 e far sì che non resti solo su carta, ad esempio garantendo la presenza dei tutor, che oggi manca quasi del tutto. Una volta definiti i prossimi step negli incontri sui territori, chiederemo la convocazione di una conferenza di servizi alla presenza di tutti gli attori interessati, in modo da migliorare i corsi e poter dare un impulso a quell’assistenza territoriale e di prossimità di cui parliamo da anni e in cui è centrale la figura dell’infermiere”.

 
 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.