BrindisiItaliaPolitica

PD Brindisi:“Il Sindaco emetta ordinanza per chiusura corsi cittadini nelle giornate festive per ripristinare decoro e sicurezza”

">

Questa mattina si è consumata una pagina bruttissima, quasi senza precedenti, per la città di Brindisi. Infatti, a causa di decisioni retrograde e incomprensibili dell’Amministrazione comunale, ormai il centro cittadino è diventato ostaggio legalizzato delle auto anche nei giorni in cui tante famiglie portano a sfilare i propri bambini vestiti a festa per il carnevale. 

Orde di auto incuranti del passeggio domenicale, favorito dalla bella giornata, di tanti brindisini hanno assediato le vie del centro cittadino e soprattutto i corsi rappresentando un pericolo per l’incolumità di grandi e piccini che così non sono riusciti a vivere con serenità, come dovrebbero, la spensieratezza del Carnevale. È evidentemente fallimentare la scelta dell’Amministrazione comunale di riaprire i corsi in maniera incontrollata anche nei fine settimana. Visto che l’assessore al traffico Massimiliano Oggiano è occupato a tentare di cancellare, facendo iconoclastia, le scelte della scorsa amministrazione per evidente incapacità a sostenere il confronto, se ne occupi il Sindaco Marchionna. 

Emetta un’ordinanza per ripristinare sicurezza e decoro urbano prevedendo la chiusura dei corsi del centro cittadino almeno durante le giornate festive. 

A nostro avviso rappresenterebbe un segnale di sensibilità nei confronti della maggioranza dei cittadini brindisini che desidera godersi una passeggiata nel centro piuttosto che fare gimkane tra le auto.

 

Partito Democratico di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: