EPIFANIA ECUMENICA 2015, 14° edizione “Benedizione Ecumenica del Porto di Brindisi”

Con una lettera aperta indirizzata al Sindaco di Brindisi Mimmo Consales il Presidente della Comunità Ellenica Ioannis Davilis informava ieri il primo cittadino della decisione ellenica di annullare i consueti festeggiamenti popolari su lungomare subito dopo la cerimonia religiosa della “Benedizione Ecumenica del Porto di Brindisi” in programma per il mezzogiorno del 6 gennaio giorno di Epifania.

TheofaniaNella stessa lettera Davilis invitava il sindaco Consales di rimandare a sua volta i festeggiamenti del Comune per il nuovo anno in programma per oggi 04 gennaio proprio su lungomare di Brindisi. Dopo poche ore la risposta indiretta del sindaco che con un annuncio sulla pagina fb del comune faceva sapere la sua decisione ad annullare tutti i festeggiamenti in segno di rispetto alle vittime di “Norman Atlantic”. Grande soddisfazione alla Comunità Ellenica. Dice tra l’altro il Presidente Davilis: “Una giusta e saggia decisione. Lo aspettiamo il giorno dell’Epifania per portare da primo cittadino il cordoglio ufficiale della città sul palco della cerimonia”.

Intanto grande e silenziosa attesa per l’Evento del Epifania che a Brindisi da 14 anni conseguitivi unisce sempre di più ortodossi e cattolici proponendo la Città come “Città Internazionale per il Dialogo e l’Unità dei Cristiani”. Attesi fedeli anche dalle provincie di Taranto e Lecce ma anche dalla Puglia e dalla Grecia.
Quest’anno la processione sarà dedicata alle vittime del naufragio della “Norman Atlantic” mentre parteciperanno gli Istituti Comprensivi “CENTRO” e “SANTA CHIARA” e la Scuola Europea di Brindisi.

Lettera al sindaco Consales


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.