BRINDISI, Marisa Garofalo a palazzo Nervegna

Il coraggio di Lea Garofalo raccontato da sua sorella Marisa. La donna, riconosciuta Testimone di giustizia, ammazzata dall’ndrangheta dopo avere rivelata la faida tra la sua famiglia e quella del suo ex compagno.

Locandina Marisa Garofalo-Dedichiamo a lei la nostra riflessione sulla festa delle donne. L’associazione culturale BrindisiOggi con l’associazione Antiracket e Antimafia della provincia di Brindisi ospitano il 7 marzo prossimo alle ore 18 a palazzo GranafeiNervegnaMarisa Garofalo in un incontro dal titolo “Donne e mafia, tra coraggio e potere”. Interverrà all’evento il giornalista e scrittore Paolo De Chiara, autore del libro “Il coraggio di Lea”.
Un momento di riflessione sul ruolo della donna nelle organizzazioni criminali. Un confronto tra territori. Un conflitto tra amore, violenza ed esistenza, che per qualcuno si estrinseca in accondiscendenza. Lea ha avuto il coraggio di raccontare, di rinunciare alla sua famiglia, e al suo amore, l’amore che poi l’ha uccisa.
L’evento è patrocinato dal Comune di Brindisi: interverranno inoltre: il sindaco di Brindisi Mimmo Consales, l’assessore alle Pari Opportunità Carmela Lo Martire, il presidente dell’associazione Antiracket e Antimafia della provincia di Brindisi Paride Margheriti el’avvocato dell’associazione Pasquale Fistetti.
L’intervista a Marisa Garofalo sarà condotta da Lucia Portolano, direttore del giornale on line BrindisOggi.it.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.