Pierangela Del Prete ( liceo Classico Marzolla): che sfruttano neolaureati, bambini cinesi che danno il cambio ai loro genitori nelle maglierie e sartorie di Prato, braccianti di colore che raccolgono per pochi euro in Capitanata casse e casse di pomodori. “Tutto questo accade ogni giorno in Italia”

Callcenter che sfruttano neolaureati, bambini cinesi che danno il cambio ai loro genitori nelle maglierie e sartorie di Prato, braccianti di colore che raccolgono per pochi euro in Capitanata casse e casse di pomodori.

“Tutto questo accade ogni giorno in Italia” ed è causticamente rappresentato in uno stile asciutto in “Mafia caporale”, Fandango Libri, 2017.  Il libro inchiesta di Leonardo Palmisano, classe 1974, giornalista, scrittore ed etnografo, racconta,  in uno snodarsi ritmato dal dolore e dalle interviste, la realtà del caporalato dal nord al sud d’Italia, presentandoci le vittime giovani e meno giovani, senza distinzione di nazionalità e di sesso, del caporalato nell’industria, nell’agricoltura, nell’edilizia, nel mercato della prostituzione. Dialogheranno con  l’autore, all’interno della rassegna “Letture al Marzolla”, curata dalla professoressa Del Prete, gli alunni delle classi terze del Liceo Classico “Marzolla “ di Brindisi ed eventuali rappresentanti delle scuole medie. Tutti nell’atrio del Marzolla martedì 18 dicembre, dunque, dalle ore 15.30 alle ore 17.00, per parlare di sommerso, di malavita che lucra sulla pelle dei più deboli, per sapere, studiare, capire. Per far  scaturire  vera cittadinanza attiva, obiettivo che  il Dirigente Scolastico  prof.ssa Carmen Taurino  ed il Collegio  dei docenti del Marzolla  si prefiggono ogni giorno.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.