Cgl Brindisi:17 MAGGIO 2020 – GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMOFOBIA

Si celebra anche quest’anno, il 17 maggio, la giornata mondiale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia, e la transfobia.

Il primo anno in cui si è celebrata la giornata contro l’omofobia è stato il 17 maggio 2004, ma occorre soprattutto sottolineare che solo nel 1990 il “mondo civile” ha ritenuto di rimuovere l’omosessualità dalle liste delle malattie mentali secondo la classificazione mondiale dell’OMS. 

Purtroppo, dopo oltre 70 anni, l’omofobia è presente nella nostra società.

Ancora oggi si assiste anche nel nostro Territorio ad un clima di intolleranza e spesso di confusione, fortunatamente limitati, causate spesso da comunicazioni avventate e inopportune da parte di rappresenti politici che generano comportamenti e/o forme di discriminazione in base alla razza, alla religione, all’origine etnica, al sesso e all’orientamento sessuale.

Sovranismo, razzismo, fascismo, determinano divisioni e discriminazioni che non dobbiamo tollerare.

Dunque, la CGIL di Brindisi ritiene importante ricordare questa giornata per affermare quanto sia attuale e fondamentale la lotta per i diritti civili. La lotta a tutte le forme di discriminazioni, a partire da quelle per motivi di genere e orientamento sessuale, è una priorità della Cgil di Brindisi.


E’ appena il caso di ricordare che la Costituzione italiana nell’art. 3 sancisce inequivocabilmente il diritto all’uguaglianza di tutti gli esseri umani; tale pensiero implica, ovviamente nel pieno rispetto delle leggi correnti, il riconoscimento della facoltà di ciascuno di vivere il proprio modo di essere, considerando che ogni persona è unica, preziosa e irripetibile.

 

Il Segretario Generale

Antonio Macchia


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.