BRINDISI.Adoc su strisce blu invisibili. Accoglimento ricorso

In attesa dell’introduzione da parte del legislatore, ci pensa il Comune di Brindisi ad introdurre nuove zone di sosta delimitate da strisce invisibili. A mancare in centro, quindi, non vi sono solo i parcheggi ma anche la segnaletica.

Sembrerebbe una barzelletta ma non lo è se non fosse per il fatto che, un’automobilista di Brindisi, si e’ rivolta all’Adoc Uil di Brindisi dopo essere stata multata per non aver pagato la sosta in una zona del centro dove paradossalmente non esiste né segnaletica orizzontale né verticale dedicata.

La zona del centro storico in cui è stata elevata la sanzione è ubicata in via De Vavotici.

Ancora una volta il Giudice di Pace di Brindisi, con sentenza depositata il 24 luglio 2020 nella persona della Dr.ssa Francesca VILEI, ha accolto nel merito il ricorso dei legali dell’Adoc Uil Brindisi Avv.ti Marco Elia e Marco Masi corredato da materiale fotografico sullo stato dei luoghi.

Nella motivazione si legge: “ Il ricorso è fondato. Dalle fotografie dei luoghi, allegate dall’opponente ( non contestate dal Comune di Brindisi e non smentite da documentazione fotografica dei luoghi diversa rispetto a quella esistente in atti) si evince che sul luogo del rilevamento dell’infrazione sono assenti le strisce blu sulla pavimentazione stradale”. Di contro l’amministrazione costituitasi in giudizio non ha provato l’esistenza di segnaletica verticale indicante la zona di parcheggio a pagamento. L’ennesimo inutile quanto dannoso contenzioso che alimenta debiti fuori bilancio e forti disagi per i cittadini.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.