BRINDISI.Mancati stipendi.A Palazzo di Città, sit in dei lavoratori dei Servizi Sociali di Brindisi, Assistenza Domiciliare, Integrata, Centro Affidi

Questa mattina, sotto Palazzo di Città, sit in dei lavoratori dei Servizi Sociali di Brindisi, Assistenza Domiciliare, Integrata, Centro Affidi, organizzato dal Sindacato Cobas. Video Intervista a Bobo Aprile : “ Una situazione inaccettabile, il prossimo 10 novembre ci sarà uno sciopero “.

Questa mattina, sotto Palazzo di Città, si è svolto un sit in di protesta, organizzato dal sindacato Cobas, dei lavoratori che operano per il Comune di Brindisi nei servizi di Assistenza Domiciliare Integrata, Assistenza Domiciliare, “Polo Servizi Territoriali “ ( Centro per la famiglia – servizio di mediazione , affidi, sportello sociale ), denunciando in sostanza le difficoltà da parte della Cooperativa Genesi di pagare gli stipendi, tenendo conto tra l’ altro di “ una prospettiva non rassicurante, per i pagamenti, neanche nei prossimi mesi “.

Ha dichiarato Bobo Aprile, Segretario Cobas Brindisi : “ I lavoratori non accettano praticamente di rimanere in mezzo al Comune di Brindisi ( che è imbrigliato nei meccanismi del piano di predisse sto economico, con , come si può vedere, enormi conseguenze negative ) e la Cooperativa Genesi che quindi afferma di non avere soldi perché non viene pagata “.

Il Cobas ha anticipato uno sciopero di tutto il settore dei Servizi sociali per il prossimo 10 novembre .

Noi ci permettiamo di aggiungere , senza polemica, che si tratta di una vicenda ( tra le tante, sotto il profilo, occupazionale e economico, in città e nel territorio) che si trascina ormai da diverso tempo, in un contesto, nel complesso, poco rassicurante .


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.