DIFFERENZIATA, VENTOLA (FDI): IN PUGLIA IL GIOCO DELLE TRE CARTE NEL “PREMIO” AI COMUNI VIRTUOSI

“Il 7 luglio scorso la Giunta regionale ha assegnato 3,8 milioni di euro ai Comuni pugliesi che hanno superato la soglia del 65% della raccolta differenza.

L’euforia con la quale alcuni miei colleghi consiglieri regionali di maggioranza hanno commentato questo provvedimento proprio non la capisco. Come se la somma messa a disposizione fossero risorse aggiuntive che la Regione ‘regala’ ai Comuni virtuosi, invece si tratta solo di ‘rimborsi’ che quelle Amministrazioni comunali, loro malgrado, hanno dovuto sopportare per i maggiori oneri per il conferimento e smaltimento dei rifiuti umidi.

“Per questo la somma erogata nei giorni scorsi, tramite l’AGER (agenzia regionale), non solo non è una premialità ma sono soldi che i pugliesi hanno pagato come ecotassa (quando hanno pagato la TARI) e che viene raccolta dalla Regione Puglia attraverso un fondo particolare e che viene ripartita, appunto, ai quei Comuni che hanno superato il 65% della raccolta differenziata. Insomma, per dirla facile facile: è una redistribuzione di soldi NOSTRI, non c’è un solo euro in più dalla Regione.

“A tutto questo si aggiunge la beffa oltre il danno, visto che i pugliesi sono fra i più tartassati dalla TARI, siamo in Italia fra le Regioni che pagano di più e questo accade perché in Puglia non esiste un Piano dei rifiuti aggiornato, gli impianti previsti non sono stati realizzati, ragion per cui gran parte dei nostri rifiuti viene smaltito fuori regione. E a pagare sono i cittadini.

“Quindi ricapitolando: i 3,8 milioni di euro sono soldi nostri che ci sono stati tolti con la TARI e che dovevano tornare sui territori per migliorare i servizi, non per ripagare i maggiori oneri che i Comuni sono purtroppo tenuti a versare. Ma i governi di centrosinistra – da quelli di Vendola a quelli di Emiliano – nonostante le belle parole, continuano a utilizzare tantissimo gli impianti privati e a smaltire i rifiuti fuori regione. E i pugliesi pagano.”

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.