Confartigianato Brindisi sostiene la Fondazione di Comunità a Brindisi

La Fondazione di comunità di Brindisi e provincia sta per diventare realtà, dalla proposta lanciata nell’ottobre scorso dall’Arcivescovo di Brindisi-Ostuni Monsignor Domenico Caliandro, e grazie alle iniziative realizzate con il contributo dei tanti soggetti pubblici e privati coinvolti, oggi, gli artigiani ed alcuni professionisti di Confartigianato Brindisi hanno tenuto un incontro con Don Mimmo Roma, il parroco della Cattedrale di Brindisi che è “il motore” del progetto.

Don Mimmo Roma ha spiegato cosa è la Fondazione e l’obiettivo che si pone, quali energie e risorse devono attivarsi per far sì che la Fondazione si avvii, ha sottolineato che alla base di tutto, del nostro impegno nella Confederazione deve esserci, sarà necessaria, una cultura della solidarietà, del dono, della responsabilità sociale.

Don Mimmo Roma ha aggiunto che tra gli obiettivi della Fondazione che potranno raggiungersi con il coinvolgimento delle micro e piccole imprese artigiane, quelle che Confartigianato riunisce, c’è quello di una “nuova” occupazione, quella di imprese ispirate ai principi della sostenibilità ambientale, dell’economia civile, di solidarietà intergenerazionale, in cui è forte e diffuso l’interesse della generazione presente verso quelle future.

Confartigianato Brindisi, il Direttore Teodoro Piscopiello ed il Presidente Fabrizio Topputo, convinti della necessità di essere protagonisti concreti nel progetto della Fondazione, hanno preso l’impegno di coinvolgere gli iscritti di tutte le categorie e di tutto il territorio provinciale e di iniziare, dal mese in corso, la raccolta fondi.

 

  Il Direttore Provinciale Confartigianato

Teodoro Piscopiello


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.