BRINDISI.PC:SALUTE E AMBIENTE BARATTATI PER PROFITTO PRIVATO

La triste realtà della gestione privata dei rifiuti

Per il traffico e lo smaltimento illecito di 600 tonnellate di rifiuti tra le province di Taranto e Lecce richiesto rinvio a giudizio per 44 persone e l’azienda campana produttrice di rifiuti “N.d.n. Ecorecuperi srl” che grazie a questo illecito avrebbe risparmiato circa 100mila euro in costi di smaltimento.

100mila euro, questo vale la salute di intere generazioni dei nostri territori per i titolari di questa azienda (probabilmente anche meno per tutti gli altri coinvolti tra complici e proprietari terrieri). Questo, purtroppo,  non è un caso isolato qui al sud, è ormai cultura generale, tutti conoscono la dinamica…eppure decenni di indottrinamento pro-privatizzazioni nascondono la vera causa del problema ai più: affidare la gestione dei rifiuti e più in generale della società alle logiche del profitto privato, ai padroni, è follia, altro che “razionalizzazione”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.