BRINDISI.Problematiche parco Cesare Braico. Mancanza di bagni adibiti ai disabili

Al  Parco  Cesare  Braico  di Brindisi   continua  lo stesso  problema, mancano    praticamente i bagni   per i diversamente abili, una rampa   d’ accesso  .

MANCANZA RAMPA PER LA DISABILITA-

Senza    girarci   intorno….   C’è ancora tanto, tanto  da fare  per i diversamente  abili,  in  una città, una comunità, un territorio .

Un discorso  che  investe  diverse dinamiche e problematiche, non riguardanti  solo  tutte  le azioni  e misure che ad esempio può mettere  in campo  un’ istituzione   pubblica,  ma  anche  e soprattutto     “atteggiamenti   diversi”, maggiori  attenzioni .

Avere  una  maggiore   e significativa  sensibilità    , da parte  proprio di tutti,  su  un tema  che, appunto, ci riguarda  molto da  vicino, ma spesso   lasciato  in disparte  .

E  i centri  di   aggregazione, le strutture   e luoghi pubblici, i parchi cittadini, dovrebbero  garantire  al meglio  l’  accesso    a  chi, più  di tutti, ha  diritti   e  dignità.

Non , assolutamente, una polemica  verso  qualcuno,  ma   soprattutto  un invito    a consolidare determinate  azioni, progettualità     da condividere   pienamente, il rispetto  per chi  soffre.

Brindisi,  una città  che  in tal senso  ha fatto passi in avanti,  ma deve    ancora fare  tanto  .  Al  Parco   Cesare    Braico, in sostanza   continua ( da  diverso  tempo) lo stesso  problema,  la  mancanza  di bagni  adibiti ( anche e soprattutto)  ai disabili,    quindi   la mancanza  di una rampa  di accesso.

Le  foto, allegate  all’ articolo,  sono  “ inequivocabili”, se si considera  l’ importanza, per la città e la comunità brindisina, di  un  “ patrimonio verde” molto frequentato,  dove     tra  l’ altro   ha  sede  l’ Istituto Alberghiero.

Una  problematica     già   denunciata  e segnalata,  tra l’ altro,    alcuni  mesi fa, dall’  ADOC     Brindisi,  all’   attenzione  dell’  amministrazione  comunale  brindisina  e gli organi competenti .

Ribadiamo,  per  una    città, un  territorio   “ a misura  dei bisognosi, dei diversamente  abili”, bisogna  lavorare  ancora molto,  e le  istituzioni  non possono   “ tirarsi indietro”.

Senza  polemica…. E   non si   “ tiri  in ballo”, in alcun modo, “ problemi  di ordine burocratico”  che, purtroppo  e spesso, contraddistinguono  molti settori  della vita   quotidiana. 

Attendiamo, fiduciosi, che  l’ Amministrazione  Comunale  di  Brindisi  e gli organi   competenti  diano  urgenti risposte  a quelle che  poi sono  le segnalazioni, denuncie  e lamentele da parte dei cittadini, degli utenti  del   Parco  Cesare  Braico   e  non solo.

Così  si   “ costruisce”, maggiormente, una  città,  una  comunità  “ a misura   dei bisognosi  e  diversamente   abili  “.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.