BRINDISI.Ora tocca a noi:IL COMUNE TAGLIA I FONDI DEL CENTRO ANTIVIOLENZA

Il Comune di Brindisi ha revocato la sua quota di cofinanziamento per il centro antiviolenza “Crisalide”. Una scelta che comporterà inevitabilmente una riduzione del servizio offerto, incidendo negativamente sull’utenza e sulle condizioni di lavoro degli operatori.

Negli ultimi mesi, a seguito dei tragici fatti di cronaca di cui tutti sappiamo, abbiamo assistito ad una crescente attenzione nel dibattito pubblico e nella coscienza comune sull’importanza di questi presidi di assistenza, prevenzione e supporto delle vittime di abusi e violenze.

La maggioranza di centrodestra di Brindisi dà l’ennesima dimostrazione che nel combattere la violenza di genere sono tutti buoni a parole, salvo poi venire meno quando bisogna investire in questi servizi. 

Crediamo che questa vicenda meriti la massima attenzione da parte della politica e di tutta l’opinione pubblica proprio per il valore che i centri antiviolenza ricoprono a tutela delle fasce di popolazioni più vulnerabili, in particolare donne e minori. 

Tagliare sui centri antiviolenza è una scelta politica inqualificabile. 

Chiediamo che il Comune torni immediatamente indietro suoi passi!


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: