NUOVI ASPETTI DI TUTELA PER I RISPARMIATORI BANCA POPOLARE DI BARI ED IL PLAUSO DEL COORDINAMENTO CONFCONSUMATORI – DALLA PARTE DEL CONSUMATORE AL PRESIDENTE DELLA CORTE D’APPELLO DI BARI

La bufera giudiziaria che ha travolto i vertici della Banca Popolare di Bari apre nuovi fronti di tutela per i risparmiatori coinvolti in questa ennesima vicenda di “risparmio tradito”.

A sostenerlo è il Coordinamento istituito dalla Confconsumatori e dall’Associazione Nazionale “Dalla Parte del Consumatore”, il quale dal 2016 è al fianco degli azionisti ed obbligazionisti della Banca Popolare di Bari per la difesa dei loro diritti.

Da quanto si apprende dalle notizie di cronaca, infatti, il faro degli inquirenti è puntato, tra gli altri aspetti, anche su presunte truffe perpetuate ai danni dei piccoli azionisti, falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza (fonte: www.ilsole24ore.com. “L’inchiesta” del 20 gennaio 2020).

La contestazione del reato di falso in prospetto – afferma l’avv. Emilio Graziuso, Responsabile del Coordinamento – e le ipotesi di presunta truffa ai danni dei risparmiatori sono molto importanti ed avranno una notevole ricaduta anche sui processi civili instaurati e da instaurare nei confronti dell’Istituto di credito.

Tali ipotesi di reato, infatti, qualora accertati, confermerebbe la tesi dell’assoluta inconsapevolezza dei risparmiatori, e non certo per loro responsabilità, al momento dell’acquisto dei titoli, circa la situazione economica, sulla solvibilità e solidità della banca e, di conseguenza, in merito all’affidabilità dei titoli, alla natura ed al rischio degli stessi ed al recupero delle somme investite”.

Il Coordinamento Confconsumatori – Dalla Parte del Consumatore – il quale ha già ottenuto risultati importanti dinnanzi all’Arbitro per le Controversie Finanziarie con il riconoscimento del diritto del risparmiatore al risarcimento del danno pari all’intero importo investito – spera, quindi, che il faro puntato dagli inquirenti sulla questione Banca Popolare di Bari possa far luce in modo definitivo sulle modalità con le quali i titoli sono stati venduti ai risparmiatori e sul prezzo pagato per le azioni il quale è stato determinato sulla base di valori non reali e, quindi, sulla responsabilità della Banca.

Siamo molto fiduciosi nell’operato della magistratura – conclude l’avv. Emilio Graziuso – la quale già in altre vicende che hanno coinvolto, negli anni scorsi, i risparmiatori è riuscita a fare chiarezza ed a riconoscere i diritti degli investitori.

Come coordinamento abbiamo molto apprezzato il passaggio del dott. Franco Cassano, Presidente della Corte d’Appello di Bari, nel discorso di inaugurazione dell’anno giudiziario, che si è soffermato sulla vicenda giudiziaria della Banca Popolare di Bari e sul dramma che i risparmiatori stanno vivendo. Dal canto nostro, come già preannunziato nei giorni scorsi, continueremo a dare battaglia, dentro e fuori le aule di Tribunale, per la tutela dei diritti dei risparmiatori”.

Per informazioni: 347 – 0628721


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.