BrindisiFocusItalia

Cobas Brindisi:sSt in martedì 6 Febbraio per lavoratori ditte appaltatrici

">

Il Sindacato Cobas svolgerà un sit in Martedì 6 Febbraio 2024 alle ore 9,00 in Piazza Santa Teresa ,di fronte la Prefettura di Brindisi, a sostegno dei lavoratori delle ditte brindisine operanti nel petrolchimico ed in particolare di quelli legati al nuovo appalto vinto da ditte che vengono da fuori.

Abbiamo chiesto al Signor Prefetto di Brindisi,Michela La Iacona, la possibilità di essere ricevuti per poter esporre una nostra proposta ed a tale scopo chiederemo  anche la presenza delle ditte brindisine escluse dalla permanenza storica nel petrolchimico.

Il Sindacato Cobas esporrà alla Prefettura di Brindisi la proposta  da sottoporre successivamente alle aziende proprietarie degli impianti del petrolchimico  di annullare la gara incriminata e di realizzare un patto di collaborazione con le ditte appaltatrici brindisine  a costo di mercato,da far diventare così  le stesse  stabili partner commerciali e bracci operativi   nel settore delle manutenzioni .

Chiediamo quindi che si costruisca  un rapporto civile di collaborazione  tra petrolchimico ed aziende locali dopo 60 anni di sfruttamento del nostro territorio, senza mai lasciare nulla alla nostra città.

Un particolare da non trascurare è che alcune aziende vincitrici della nuova gara hanno lavoratori in cassa integrazione  che potrebbero così trasferire una  ulteriore crisi occupazionale dal loro territorio a Brindisi, con una nuova guerra tra poveri.

L’aspetto più grave di questa situazione e di cui non si tiene conto è che oltre al centinaio di lavoratori presenti nel petrolchimico ci sono 30/40 lavoratori ed impiegati di Tecnogal,Leucci, Cimi, nelle storiche officine esterne dove   si realizzano lavorazioni a supporto delle manutenzioni nel petrolchimico destinati al licenziamento  .

Il dramma diventerebbe catastrofico per il nostro tessuto industriale ; diventerebbe così   come un albero tirato  fuori dalla terra  con le radici destinato a morte certa.

Il Cobas con le manifestazioni di questi giorni chiede  ,a fronte della crisi occupazionale ,al Governo Nazionale  la necessità di realizzare i nuovi investimenti alternativi promessi .

Nel caso sperato che arrivino troverebbero un deserto con le possibili  aziende locali interessate che hanno già abbassato la serranda.

Tutto questo non deve succedere.

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

Condividi: