ARPAL, FRATELLI D’ITALIA: LE “ANOMALE” PROVE DEL CONCORSO CONFERMANO I NOSTRI DUBBI SULLA DIREZIONE POLITICA E NON TECNICA DELL’AGENZIA DEL LAVORO IN PUGLIA.

I GIOVANI POSSONO ANDARSI A FAR BENEDIRE O RACCOMANDARE?

“Aspettavamo di essere smentiti all’atto pratico. Aspettavamo – per intenderci – delle prove del concorso Arpal inattaccabili perché davvero una grande opportunità di lavoro per migliaia di giovani e disoccupati pugliesi e non quel mercimonio politico-elettorale. E, invece, ci ritroviamo di fronte a un concorso che presenterebbe (a detta di alcuni candidati che ci hanno avvicinato e che annunciano ricorsi, ma anche di alcune notizie di stampa) grandi falle organizzative e un test con domande più ‘pop’ (dal chi è il doppiatore di Toy Story a chi ha scritto ‘Le cronache del freddo e del fuoco’) e che di vera cultura generale.

“Il pesce, si sa, puzza dalla testa e per anni siamo rimasti inascoltati quando abbiamo sostenuto che il direttore generale (figura tecnica) di un’agenzia cos? importante non poteva essere scelto solo per meriti ‘politici’ per aver con una sua lista (Popolari per Emiliano) contribuito a una vittoria elettorale. Nulla contro le persone ma è evidente che con questo sospetto d’origine, la trasparenza, l’imparzialità e l’equità di prospettive di accesso al lavoro dei nostri giovani si vanno a far benedire!… o a raccomandare!

“Anche questa volta, dopo averlo importunato senza ricevere risposta sulle nomine dei Capi Dipartimento, non ci rimane che scrivere al ministro Brunetta per sapere come coniuga il suo concetto di ‘efficienza nella Pubblica Amministrazione’ con quello che accade all’ARPAL PUGLIA e alle procedure concorsuali in atto.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.